C. Conti. Famiglie italiane in difficoltà. Si ricorre al debito pubblico per assicurare i servizi

0
158

Agenpress –  “Il miglioramento dei risultati economici e dei conti pubblici conseguito dall’Italia negli ultimi anni non consente di abbassare la guardia. L’uscita dalla recessione e la ripresa non pongono infatti ancora termine alle difficoltà quotidiane di tante famiglie”. Lo afferma il presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2018.

“Il quadro attuale della finanza pubblica ci indica come non più praticabile il percorso che, per assicurare i necessari livelli di servizi alla collettività, faccia ricorso ad una ulteriore crescita del debito pubblico”, ha aggiunto Buscema.

Si tratta, ha aggiunto, di “una via preclusa non tanto dagli obblighi che ci provengono dall’esterno, dagli accordi europei, quanto piuttosto dal rispetto di un maggior equilibrio intergenerazionale nella ripartizione degli oneri”.

“L’azione di contrasto svolta dalla Corte a tutela della legalità – spiega parlando dell’impegno della magistratura contabile nella lotta alla corruzione – è vieppiù necessaria specie in considerazione dell’attenuazione delle rigide regole della contabilità pubblica negli attuali assetti organizzativi dell’amministrazione, caratterizzati non solo dalla esternalizzazione di funzioni pubbliche e dalla costituzione di società partecipate, ma anche dal frequente ricorso a logiche di emergenza che, per le grandi opere dei grandi eventi, postulano la deroga alle procedure ordinarie di spesa”.

Commenti