Ecco il toto nomi del governo neutrale. Elisabetta Belloni potrebbe diventare premier

0
964

Agenpress – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha formato la squadra per governo neutrale. Tra i nomi spiccano quelli di Elisabetta Belloni e Marta Cartabia.
Elisabetta Belloni è nata il primo settembre 1958 a Roma. Si è laureata in scienze politiche alla Luiss nel 1982. La sua carriera diplomatica è iniziata nel 1985. Tra il 2004 e il 2008 ha diretto l’Unità di Crisi della Farnesina. È stata poi, dal 2008 al 2013, direttore generale della cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Esteri dal 2008 al 2013. Tra 2013 e 2015, poi, direttore generale per le risorse e l’innovazione. A febbraio 2014 è stata promossa ambasciatore di grado. Da giugno 2015 è stata capo di gabinetto del Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Ad aprile 2016 è stata nominata segretario generale della Farnesina. La Belloni è anche docente universitaria, di cooperazione allo sviluppo, alla Luiss.

Profilo economico in grado di dare garanzie in chiave europea invece, per Lucrezia Reichlin, 63 anni, romana, economista figlia di due comunisti storici (Alfredo Reichlin e Luciana Castellina) e docente di Economia alla London Business School, direttrice generale alla Ricerca alla Bce e in ottimi rapporti con Mattarella.

Tra gli economisti potrebbe essere coinvolta anche Anna Maria Tarantola,lombarda, 73 anni, che per oltre quaranta anni ha lavorato in Bankitalia e ne è stata anche vicepresidente. Il governo Monti la nominò presidente della Rai. 

Tra gli altri nomi più quotati ci sono poi Carlo Cottarelli, 64 anni, già commissario alla spending review a Palazzo Chigi. E Salvatore Rossi, barese, 69 anni, direttore Generale della Banca d’Italia dal 2013. Accreditato continua ad essere anche il nome del presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajno. Poi si parla anche di Giampiero Massolo, ambasciatore di lungo corso con grandi conoscenze internazionali e di Enzo Moavero Milanese, ex ministro del governo Letta ed esperto dei meccanismi dell’Unione europea.

Commenti