Ipertensione arteriosa: impariamo a difenderci

0
213

Agenpress. In occasione della XIV Giornata Mondiale contro l’Ipertensione, il “Fatebenefratelli – Isola Tiberina” apre le porte ai cittadini per sensibilizzare l’utenza su questa malattia “silenziosa” e sull’importanza della prevenzione. L’appuntamento è per il prossimo 18 maggio nel cortile dell’accettazione, dove medici, infermieri e ostetriche saranno a disposizione per distribuire materiale informativo e misurare gratuitamente la pressione. Lo stesso giorno, il “Centro Ipertensione” dell’ospedale sarà aperto ai cittadini dalle 8.00 alle 13.00 per informazioni e consigli.

Sono quasi 20 milioni gli italiani affetti da ipertensione, uno su tre nella popolazione generale, uno su due fra gli adulti oltre i 40 anni. In molti casi queste persone non sanno di essere ipertese fino a quando non iniziano a comparire le prime complicazioni a livello degli organi bersaglio (occhi, cervello, cuore, reni).

Fondamentale, quindi, tenere sotto controllo la pressione a tutte le età, fin da ragazzi, e soprattutto in gravidanza. La pre-eclampsia (popolarmente nota come gestosi) è infatti una delle complicazioni più frequenti, derivante proprio da aumento della pressione associato a danno renale, che può alterare il decorso normale della gravidanza e provocare anche la nascita prematura del bambino.

L’iniziativa, promossa a livello nazionale dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa (SIIA), viene realizzata in Ospedale grazie alla collaborazione degli studenti dei Corsi di Laurea di Infermieristica e Ostetricia e dell’associazione dei Volontari San Riccardo Pampuri. Il Centro Ipertensione Arteriosa e Ipertensione Gestazionale dell’Isola Tiberina, diretto dal prof Dario Manfellotto, Primario di Medicina Interna e European Hypertension Specialist, è punto di riferimento per lo studio e la cura di questa patologia.

Il centro è attivo da oltre 30 anni, ha seguito finora più di 20 mila pazienti ed è ufficialmente riconosciuto dalle Società Europea ed Italiana dell’Ipertensione. Qui vengono eseguiti tutti gli esami necessari: dal monitoraggio pressorio per 24 ore, agli esami clinici ormonali e strumentali più complessi, fino all’arteriografia. Molte le donne con gravidanza a rischio o patologica che si rivolgono al nostro Ospedale, dove – ricordiamo – si registrano circa 4 mila nascite ogni anno. Tra queste il 10-20% delle gravidanze sono complicate da ipertensione.

Commenti