La staffetta azzurra 4×400 scatena i social. Ma Salvini replica: “Bravissime, mi piacerebbe abbracciarle”

0
726

Agenpress –  Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo e Libania Grenot. Sono le quattro atlete italiane che sabato ai Giochi del Mediterraneo hanno vinto l’oro nella 4×400, correndo la staffetta in 3’03″54. Un successo che va al di là del valore sportivo perché più che l’oro in sé (in questa rassegna l’Italia ha vinto il medagliere con 56 ori, 55 argenti e 45 bronzi) ciò che ha scaldato l’opinione pubblica, nel giorno del raduno della Lega a Pontida, è stata proprio la foto delle quattro atlete con il tricolore.

“La risposta italiana a Pontida”, “Questa è l’Italia multiculturale”, “Prima le italiane”. Tutti messaggi, come quello dell’ex ministro Kyenge, che si sono diffusi proprio nel giorno in cui Matteo Salvini ha guidato il raduno della Lega a Pontida: “L’Italia che integra, vince”. La foto è diventata un vero e proprio simbolo. Le quattro atlete sono state elette dal popolo del web che contesta a Salvini e ai militanti della Lega un razzismo di fondo. #primaleitaliane è l’hashtag che fa il verso allo slogan della Lega: “Prima gli italiani”.

Non si è fatta attendere, però, la reazione del Ministro degli Interni. Salvini ha postato su Facebook: “Bravissime, mi piacerebbe incontrarle e abbracciarle. Come tutti hanno capito (tranne qualche “benpensante” e rosicone di sinistra), il problema è la presenza di centinaia di migliaia di immigrati clandestini che non scappano da nessuna guerra e la guerra ce la portano in casa, non certo ragazze e ragazzi che, a prescindere dal colore della pelle, contribuiscono a far crescere il nostro Paese. Applausi ragazze!!!”

Maria Benedicta Chigbolu, classe ’89, come spiega il sito della Fidal “è la seconda di sei figli (tre fratelli e tre sorelle) di una insegnante di religione, Paola, e di un consulente internazionale nigeriano, Augustine. Il nonno Julius è stato una celebrità in Nigeria: ha partecipato ai Giochi olimpici di Melbourne 1956 arrivando in finale nel salto in alto ed è stato anche presidente della Federatletica nigeriana”.

Ayomide Folorunso: “La sua famiglia è originaria del Sud-Ovest della Nigeria, ma “Ayo” dal 2004 si è stabilita con i genitori – la mamma Mariam e il papà Emmanuel, geologo minerario – a Fidenza: qui è stata notata nelle competizioni scolastiche dal tecnico Chittolini e affidata a Maurizio Pratizzoli. Non è riuscita a vestire l’azzurro nei Mondiali under 18 del 2013 pur avendo ottenuto il minimo in ben cinque specialità, perché ha ricevuto il passaporto pochi giorni dopo la rassegna iridata. A giugno del 2015 è stata arruolata nel gruppo sportivo delle Fiamme Oro, proveniente dal Cus Parma.

Raphaela Lukudo, 24 anni, “la famiglia è originaria del Sudan, ma si era stabilita da tempo in Italia: prima nel Casertano e successivamente, quando “Raffaella” aveva appena due anni, a Modena. Ha scoperto l’atletica nel 2006, con il Mollificio Modenese, per diventare quindi una promessa del giro di pista sotto la guida tecnica di Mario Romano. Nel 2011, dopo aver dimostrato il suo valore ancora allieva ai Mondiali di categoria (semifinalista sul piano nonostante un infortunio alla vigilia della gara), si è trasferita per un paio di anni con la famiglia nei pressi di Londra, rientrando poi in Italia”.

Commenti