Thailandia. Miracolo o scienza, ma sono tutti fuori! In azione 90 sommozzatori

0
586

Agenpress – “Non sappiamo se è stata scienza o un miracolo: ma sono tutti fuori!” hanno scritto i Navy Seals sulle loro pagine Facebook e Twitter, subito inondate di complimenti da tutto il mondo. E in serata hanno lasciato la grotta e sono in buone condizioni anche i quattro Navy Seal – tra cui un medico militare – che per una settimana hanno fatto compagnia ai 12 giovani calciatori intrappolati con l’allenatore nella grotta Tham Luang. Lo ha annunciato Narongsak Osatanakorn, responsabile dei soccorsi.

All’operazione hanno partecipato 90 sommozzatori, di cui 40 thailandesi e i restanti 50 provenienti da diverse parti del mondo.

Il gruppo ha passato più di due settimane nelle viscere della montagna ed è stato liberato grazie a un’operazione internazionale senza precedenti.

Il primo ragazzo del secondo gruppo a uscire dalla grotta Tham Luang è stato trasportato all’esterno in barella e portato all’ospedale di Chiang Rai in elicottero, a 60 chilometri, dopo brevi cure mediche all’ospedale di campo. Lo riportano i media thailandesi. Tutti i ragazzi salvati stanno bene, hanno detto i soccorritori. Gli otto ragazzi sono di “buon umore” e hanno un sistema immunitario forte perché sono calciatori, hanno fatto sapere le autorità sanitarie. Jesada Chokdumrongsuk, vicedirettore generale del ministero della Sanità pubblica, ha detto che i primi quattro ragazzi salvati, di età compresa tra 12 e 16 anni, sono già in grado di nutrirsi normalmente. Due hanno una probabile infezione polmonare, ma tutti e otto sono generalmente “sani e sorridenti”, ha detto.

“I bambini sono calciatori, quindi hanno un sistema immunitario alto”», ha detto Jesada. “Tutti sono di buon umore e sono felici di uscire, ma ci sarà uno psichiatra per valutarli”. Ci potrebbero essere almeno sette giorni prima che possano essere dimessi dall’ospedale, ha detto Jesada in una conferenza stampa.

Commenti