PRC: “Vergogna nomine tutte maschili. Hanno ragione Costituzionaliste: questo non è un paese per donne!”

0
295

Agenpress. Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea ed Eleonora Forenza, eurodeputata del gruppo della Sinistra Unitaria Europea (GUE/NGL), dichiarano:

«Le nomine tutte al maschile, 21 uomini su 21 posti, tra Consiglio superiore della magistratura e della Corte costituzionale, presidenza della Giustizia amministrativa, della Giustizia tributaria e della Corte dei Conti, sono una vergogna irricevibile in un paese civile.

L’Italia esca dal medioevo e si intervenga subito davanti a tale evidente discriminazione. Ci associamo alla protesta delle costituzionaliste che hanno sollevato la questione. Hanno davvero ragione: in questo Paese il maschilismo e il patriarcato regnano ancora sovrani mentre il rispetto dei diritti delle donne, a partire dall’autodeterminazione e da reali possibilità di carriera in ogni ambito, è ancora molto lontano».

Commenti
loading...