Genova. Crollo ponte. Di Maio. I responsabili hanno un nome e un cognome e sono Autostrade per l’Italia

0
375

Agenpress –  “Certo che” il crollo del ponte Morandi “si poteva evitare: le condizioni visibili a tutti, non a un ingegnere, lasciano capire che la manutenzione non è stata fatta e per questo il ponte è crollato. Non è crollato per una fatalità ma perché non si è fatta manutenzione”. Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio in un’intervista a Radio Radicale.

“I responsabili hanno un nome e un cognome e sono Autostrade per l’Italia. Dopo anni che si è detto che le cose dai privati sarebbero state gestite molto meglio, ci troviamo con uno dei più gradi concessionari europei che ci dice che quel ponte era in sicurezza. Queste sono scuse. Autostrade deve fare la manutenzione e non l’ha fatta. Prima di tutto si dimettano i vertici”, aggiunge Di Maio, spiegando che “come ha già annunciato il premier Conte, farmeoun piano straordinario di monitoraggio. Si tratta di installare dei banali sensori su tutte le infrastrutture del Paese per un monitoraggio costante: a volte si fa con dei satelliti, a volte con i sensori. Saremo giudicati sui fatti e tra qualche mese verificheremo con i cittadini se saremo conseguenti a quanto annunciato”.

“Voglio ringraziare tutti i soccorritori che sono al lavoro, in particolare i Vigili del fuoco, che vogliamo ringraziare non solo a parole: sono le forze di soccorso meno pagate d’Italia e vogliamo equipararli agli altri, sia come stipendi che come equipaggiamento”.

Commenti
loading...