Codacons: se M5S vuole combattere concorrenza sleale, liberalizzi i saldi abrogando legge sconti di fine stagione

386

Agenpress. Se davvero il M5S vuole combattere la concorrenza sleale nel commercio e aiutare i piccoli negozi, allora deve abrogare l’obsoleta legge sui saldi di fine stagione e liberalizzare gli sconti lasciando agli esercenti la facoltà di scegliere quando e come scontare la propria merce.

Lo afferma il Codacons, commentando la nota del M5S che chiarisce la posizione del movimento sulle chiusure domenicali dei negozi.

“Non si può parlare di salvare i negozi disponendo solo le chiusure nei giorni festivi con il 25% degli esercizi aperti, senza introdurre misure realmente efficaci per far ripartire le vendite e combattere la concorrenza dei big del commercio – spiega il presidente Carlo Rienzi – Gli ultimi dati Istat sulle vendite al dettaglio hanno dimostrato come i saldi estivi sono risultati un fallimento totale e non hanno apportato alcun contributo al commercio: a fronte di tale situazione e della decisione di disporre le chiusure domenicali dei negozi, il M5S deve intervenire liberalizzando gli sconti, lasciando cioè ai negozianti la facoltà di scegliere quando scontare la propria merce, perché le esigenze degli esercizi commerciali sono diverse a seconda del luogo di ubicazione, della tipologia merceologica, delle giacenze di magazzino, ecc.”.

“Solo così sarà possibile aiutare i negozianti a combattere lo strapotere delle multinazionali e dell’e-commerce, dove i saldi vengono applicati tutto l’anno e senza alcuna limitazione” – conclude Rienzi.

Commenti
loading...