Farmacisti. rinnovo contratto: lettera a Di Maio

0
1004

Il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti ha dato avvio quest’oggi ad una iniziativa per lo sbocco del CCNL dei farmacisti dipendenti di farmacia privata 


Agenpress. Tutti i farmacisti dipendenti di farmacia privata sono stati invitati ad inviare una lettera al Ministro del Lavoro e delle politiche sociali e a spiegare la loro condizione (in allegato il testo della traccia suggerita che ognuno potrà personalizzare).

A circa sei anni dalla scadenza del contratto con due rinnovi praticamente saltati non è più tollerabile alcun rinvio e la richiesta di maggiore flessibilità è totalmente rinviata al mittente.

Malgrado gli appelli, malgrado la situazione di obbiettiva indecenza dei livelli economici retributivi, si gioca ancora sulla pelle dei dipendenti con giustificazioni indecenti.
In sei anni il poter d’acquisto dei farmacisti dipendenti si è notevolmente ridotto e le condizioni di lavoro sono drammaticamente peggiorate.
Non è più tollerabile alcun rinvio.
La responsabilità è completamente a carico di Federfarma che in sei anni ha fatto di tutto per rendere questa situazione esplosiva.
Il malcontento è ai livelli massimi.

Nel frattempo la parte datoriale si è guardata bene dall’indennizzare i lavoratori con un parziale recupero di quanto perso in questi anni. Si è guardata bene da avanzare proposte che riconoscessero quella professionalità tanto sbandierata ad ogni convegno, si è guardata bene da considerare i laureati in farmacia che lavorano alle loro dipendenze professionisti di un sapere che ha un costo e che come tale deve essere riconosciuto.

Professionisti che ogni giorno collaborano con i medici, indirizzano i cittadini sul corretto uso dei farmaci e in più di una occasione correggono terapie e individuano patologie che, sottovalutate porterebbero gravi danni all’utente.
Una professionalità riconosciuta secondo convenienza, all’interno di contesti aziendali sempre più conflittuali ove moltissimi sono i doveri e pochissimi i diritti, anche quelli più elementari.

Un mondo quello della farmacia privata spesso dipinto da un marcato ruolo sanitario, ove peccato però, i contratti siano quelli del commercio e un farmacista guadagna netto poco più di 7 euro/ora.
Al Ministro del Lavoro Di Maio l’invito ad occuparsi della questione urgentemente.

Commenti
loading...