Tav. Confindustria Piemonte. Esito prevedibile per calcolo elettorale. Danni al paese

1089
Fabio Ravanelli, presidente di Confindustria Piemonte

Agenpress – “Il completamento della tratta ad alta velocità rappresenta un progetto strategico di sviluppo di lungo respiro che parla al futuro dei nostri territori. Chiunque volesse provare a sabotarlo per un calcolo elettorale dovrebbe poi assumersi la responsabilità dei danni provocati di fronte al Paese”.

Lo afferma il presidente di Confindustria Piemonte, Fabio Ravanelli.  “Analizzeremo lo studio della Commissione Ponti con grande attenzione per poterlo confutare nel merito, anche se dalla prima impressione ci sembra piuttosto zoppicante. Le sue conclusioni pongono ora al Governo un enorme problema politico  rispetto alla volontà già espressa da Francia e Unione europea di procedere al completamento dell’opera e alle istanze che arrivano da un territorio ampio, che va ben oltre il solo Piemonte”.

“Finalmente possiamo leggere l’ultimo capitolo di un copione già scritto e dall’esito assolutamente prevedibile: l’analisi costi-benefici offre al Movimento 5 Stelle gli appigli numerici che attendeva per giustificare il blocco dei lavori per la tratta ad alta velocità Torino-Lione”.

“Mi riferisco alle imprese e le altre categorie economiche che noi associazioni rappresentiamo, agli amministratori locali di tutto il nord Italia che hanno preso una posizione pubblica a difesa del Tav e ai tantissimi comuni cittadini scesi in piazza a Torino”.

Commenti
loading...