Legittima difesa. Macina (M5S). “Non è una priorità, ma era prevista nel contratto”

0
414

Agenpress – “Non è una priorità secondo noi rispetto alle esigenze del nostro Paese, ma era prevista nel contratto di governo, quindi nessun problema. Comunque sfatiamo questo mito: non sarà un far west, non si dà il via libera all’uso indiscriminato di armi, semplicemente si mettono in chiaro alcuni passaggi. Deve esserci un pericolo attuale nei confronti del proprietario di casa o di un suo parente per far sì che la reazione sia legittima”.

Lo ha detto Anna Macina, deputata del M5S,  intervenuta ai microfoni de “L’Italia s’è desta” condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

“Se il ladro desiste o fugge e io gli sparo non sussiste più la legittima difesa. La valutazione sulla congruità del comportamento è sempre rimessa al giudice, ma i criteri che il giudice deve applicare per valutare sono stati chiari. Non è che lo Stato ha abdicato al suo dovere di difendere i cittadini, non scherziamo. Nella legge di bilancio sono stati stanziati dei fondi per la difesa dei cittadini”.

Commenti
loading...