Rete Oncologica Pugliese, ecco come funziona: presa in carico del paziente e meno “viaggi della speranza”

0
1177

Agenpress. Un freno ai “viaggi della speranza” e la presa in carico globale del paziente. Sono i punti cardine della Rete Oncologica Pugliese (ROP) presentata oggi pomeriggio nell’Open Space di Palazzo Carafa. Un sistema a regime dal 14 gennaio scorso, che ruota attorno all’Unità di Coordinamento della Rete (UcooR) e, a livello periferico, i 18 COrO (Centri di Orientamento Oncologico) dislocati negli ospedali, sino alle singole unità operative in grado di garantire la presa in carico in 36-72 ore e i gruppi interdisciplinari per patologia.

Un percorso costruito a più mani tra Regione Puglia, AReSS e associazionismo, in particolare FAVO Puglia, la federazione che riunisce le associazioni dei volontari impegnati in oncologia. Fondamentale per illustrare i dettagli del nuovo sistema, proprio l’incontro con la cittadinanza, poiché per il funzionamento della ROP è vitale la collaborazione con le Istituzioni, le associazioni, i medici di famiglia, gli specialisti e gli operatori sanitari.

La rete – è stato spiegato – oltre ad essere uno strumento efficace per evitare i “viaggi della speranza”, rappresenta attraverso i COrO lo snodo fondamentale per la presa in carico dei pazienti, evitando lunghe attese e spostamenti da una struttura all’altra, anche per il solo disbrigo di pratiche burocratiche. Un notevole risparmio di tempo e risorse per il paziente e per i familiari che lo assistono. Altro aspetto di particolare rilevanza è la definizione dei Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali (PDTA) per ciascuna delle principali patologie tumorali (polmone, prostata, mammella, colon retto, utero) in ambito oncologico regionale, che saranno varati nei prossimi giorni al termine di un importante lavoro preparatorio.

All’evento leccese sono intervenuti il Vice-Prefetto dr.ssa Marilena Sergio (sub commissario del Comune di Lecce), il dr. Rodolfo Rollo Commissario Straordinario della ASL Lecce, il dr. Gianmarco Surico (Coordinatore Operativo UCOOR), il dr. Gaetano Di Rienzo (Coordinatore DIOnc – Salentino – Lecce), la presidente AIOM Puglia dr.ssa Silvana Leo e il vice-presidente FAVO cav. Francesco Diomede. Quest’ultimo ha ricordato che “grazie alla rete e alle eccellenze pugliesi si può vincere la battaglia contro i tumori”, compresa la novità in arrivo del certificato introduttivo oncologico, ai fini dell’invalidità, da affiancare al codice d’esenzione 048: “Le persone – ha sottolineato – vanno seguite lungo tutta la filiera, dalla diagnosi alla terapia”. “Se la rete esiste – ha aggiunto Surico – è grazie agli stimoli arrivati dalle associazioni. Noi stiamo riuscendo a tradurre tutto ciò nella rete, con gli snodi dei centri di orientamento oncologici, ciò che crea le condizioni per migliorare sempre più la qualità dell’offerta sanitaria. Oggi la Puglia è l’unica regione del Sud ad aver deliberato la rete, tra le otto che l’hanno fatto, ma sono solo tre già attive: Piemonte, Veneto e appunto Puglia. Stiamo mettendo le mani – ha rimarcato – su temi delicati come l’alta mortalità per alcuni determinati tumori, puntando su strutture che abbiano volumi e competenze adeguati”.

Qualità, numeri e competenze che saranno riconosciuti attraverso l’accreditamento, un fronte su cui è impegnata la Regione Puglia. “E’ il primo anno – ha sottolineato Surico – in cui abbiamo un decremento della mobilità passiva, 700 in meno rispetto all’anno prima: è il segnale che i pazienti stanno apprezzando il modello e che esso sta funzionando”.

“Lo sforzo che stiamo portando avanti è notevole – ha confermato Di Rienzo – ma è fondamentale che le persone siano informate. La macchina è appena partita, stiamo affrontando e superando alcune difficoltà organizzative e anche di mentalità, ma stiamo andando avanti con entusiasmo. La mobilità passiva è storicamente alta qui a Lecce – ha scandito – ed è necessario formare e informare i medici, oltre che i cittadini. Nella Chirurgia Toracica di Lecce facciamo interventi mini-invasivi d’avanguardia da anni, oltre 500, eppure vi sono molti leccesi che continuano a farsi curare fuori regione e non sempre con esiti positivi”.

“In due anni – ha detto Leo – abbiamo centrato l’obiettivo di far nascere la rete. Il fattore vincente è l’organizzazione e il COrO è la risposta giusta, perché è il valore aggiunto da affiancare alle professionalità che già erano presenti. In questo sistema si lavora fianco a fianco, in modo unitario, medici, pazienti e volontari ed è ciò che serve per battere i tumori”.

Sollecitazioni raccolte da Rollo, che ha fatto il punto della situazione leccese: “Cambiare l’organizzazione di una ASL non è semplice – ha affermato – è un “elefante che va spostato” ma è ciò che stiamo facendo, perchè tutti i professionisti che vi lavorano hanno capito che con i COrO siamo passati dall’”io” al “noi”. Un modello che impegna più reparti, più aree, a partire dalla refertazione dell’Anatomia Patologica che ha velocizzato i tempi delle prestazioni. Abbiamo fatto i conti con le importanti liste d’attesa presenti per gli esami delle grandi macchine e ci siamo messi in pari per permettere al COrO di poter erogare la prenotazione diretta, con priorità clinica di 72 ore, al paziente ricoverato ma anche a quelli che entrano comunque nel circuito. Vi rientrano anche le strutture private, che devono giocare un ruolo suppletivo rispetto al pubblico, non prestazionifici ma attori inseriti nel sistema con agende dedicate. La prossima settimana faremo questi nuovi contratti proprio con le strutture private, un capitolo che va affrontato ad invarianza di risorse ma con economie che vanno ri-orientate sulle evidenze epidemiologiche e sui percorsi tracciati”. “Il fattore cruciale – ha sottolineato ancora Rollo – sta nella risposta rapida che il COrO può offrire al paziente, ma è necessario anche migliorare nell’acquisizione di “teste” e competenze nei reparti chirurgici, anche con casistiche importanti nella rete degli ospedali, non solo a Lecce. Ugualmente importante è l’acquisizione di tecnologie adeguate, a cominciare dal robot chirurgico utilizzato in modalità interdisciplinare: abbiamo gli uomini che possono impiegarlo e con il DEA avremo anche il luogo ideale per usare questa risorsa”. Non ultimi, la formazione della Medicina Generale e il potenziamento degli screening: “Sulla senologia – ha concluso Rollo – abbiamo fatto passi importanti, dobbiamo progredire anche nel colon retto e utero e migliorare a livello di Distretti e di PTA per una diagnosi sempre più precoce, perchè dobbiamo essere bravi noi a trovare la malattia e non aspettare che venga a trovarci”.

La scheda/Il Dipartimento Integrato di Oncologia (DIOnc) dell’Area Salentina

Il Dipartimento Integrato di Oncologia è il punto di riferimento della Rete Oncologica Pugliese (ROP) per l’Area Salentina, che comprende l’intero territorio della ASL Lecce e l’Ente Ecclesiastico Ospedale “Panico “di Tricase.

Il modello organizzativo della Rete è una novità assoluta nell’organizzazione sanitaria regionale e ha comportato la creazione di nuovi organismi a livello sia regionale che nelle singole ASL. Il Dipartimento è coordinato dal dr. Gaetano Di Rienzo, Direttore dell’U.O.C. di Chirurgia Toracica dell’Ospedale “Vito Fazzi”, e ne è presidente il dr. Rodolfo Rollo, Commissario Straordinario della ASL Lecce.

Il DIOnc è titolare della regia e del coordinamento di tutte le attività oncologiche di area medica, chirurgica, territoriale e sociale che si svolgono nel proprio ambito territoriale e opera sulla base dei programmi formulati dall’Unità di Coordinamento Regionale. Svolge attività di indirizzo e supporto nei confronti di tutte le strutture, sia ospedaliere sia territoriali.

Del Dipartimento fanno parte le Unità Operative di Oncologia, i Gruppi di Patologia Interdisciplinari e i Centri di Orientamento Oncologico (COrO). Quest’ultimi sono stati localizzati in cinque strutture ospedaliere: Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, Ospedale “Cardinal Panico” di Tricase, Ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli, Ospedale “Veris Delli Ponti” di Scorrano e Ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano. Diverse, in un’ottica multidisciplinare, sono le figure professionali impegnate all’interno del COrO: oncologo, infermiere care manager, psicologo, assistente sociale, personale amministrativo con competenze in elaborazione dati e personale volontario.

Come funziona il sistema: una risposta per ogni paziente

E’ stato istituito un numero verde regionale al quale rivolgersi in caso di sospetta malattia tumorale. Il numero verde, poi, indirizza la chiamata al COrO di competenza. Il paziente (o il medico curante) quindi entra in contatto con il Centro e viene preso in carico. Il COrO predispone tutti gli esami necessari per la diagnosi specifica, attivando una agenda prioritaria per il paziente oncologico, in modo che tutte le indagini da eseguire (ad esempio TAC, PET, esami endoscopici e istologici, ecc…) vengano effettuati con corsia preferenziale e senza pagamento ticket. Il COrO interagisce con i gruppi multidisciplinari di patologia presenti nelle aree ospedaliere interessate. Completato l’iter diagnostico, il paziente viene indirizzato alla struttura ospedaliera più vicina per i trattamenti del caso.

Numero Verde Regionale – 800185003

Centri di Orientamento Oncologico (COrO) Area Salentina – contatti

Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce – 329 3190451

Ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano – 329 3190452

Ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli – 329 3190453

Ospedale “Veris Delli Ponti” di Scorrano – 329 3190454

Ospedale “Cardinal Panico” di Tricase – 0833 1830657

Commenti
loading...