Cultura. Nel 2018 abbandono precoce studi. Famiglie spendono poco per la cultura

0
834

Agenpress – “Nel 2018 in Italia per il secondo anno consecutivo risale leggermente la quota di giovani che abbandonano precocemente gli studi (14,5%; 16,5% tra gli uomini e 12,3% tra le donne)”. Lo rileva l’Istat nel rapporto ‘Noi Italia’.

Nonostante la ripresa del fenomeno, osserva comunque l’Istituto di statistica, “si conferma il superamento del traguardo nazionale, fissato sotto il 16% dalla Strategia Europa 2020”. Anche se, non manca di far notare, “è ancora lontano l’obiettivo europeo del 10% entro il 2020”.

Sempre l’Istat rileva che  “la quota di spesa delle famiglie italiane destinata a consumi culturali (6,7%) è decisamente inferiore alla media dei Paesi Ue28 (8,5%) per l’anno 2017”.

“La spesa delle famiglie per consumi culturali rappresenta – fa notare l’Istituto – uno degli indicatori chiave individuati dall’Unione europea per la valutazione delle politiche per lo sviluppo delle condizioni di vita e del welfare nel lungo termine”. Nel dettaglio “i Paesi che si collocano nella parte più bassa della graduatoria europea, sotto la media Italia, sono Grecia, Romania, Irlanda, Lussemburgo, Cipro e Portogallo. All’estremo opposto si trova un nutrito gruppo di Paesi (tra cui Danimarca, Svezia, Finlandia, Slovacchia, Paesi Bassi) la cui spesa destinata a consumi culturali supera nel 2017 il 10%”.

Commenti
loading...