Ondata di caldo in Europa. In Francia bruciati migliaia di ettari di vegetazione. In Portogallo 47 gradi

- Advertisement -

AgenPress – Residenti e vacanzieri sono fuggiti da città e villaggi in Francia, Spagna e Portogallo poiché gli incendi sono stati alimentati da forti venti e condizioni di esca secca.

Più di 11.000 persone sono state costrette a lasciare la regione sud-occidentale della Gironda in Francia negli ultimi giorni.

- Advertisement -

I due incendi forestali che imperversano  non sono ancora stati domati e hanno distrutto un totale di 10.500 ettari di vegetazione, secondo un ultimo rapporto della prefettura pubblicato oggi. Nella notte, “diversi incendi hanno minacciato i campeggi della Dune du Pilat, che hanno dovuto essere evacuati”, ha scritto su Twitter. In questa zona di Teste-de-Buch, dove l’incendio è progredito nella notte – da 3.200 a 3.400 ettari andati in fumo – “la notte è stata complicata”, ha dichiarato il tenente colonnello Arnaud Mendousse, portavoce dei vigili del fuoco.

La polizia nel sud-ovest della Francia è andata di porta in porta nel tentativo di evacuare 4.000 residenti dal distretto di Cazaux a sud-ovest di Bordeaux. Si poteva vedere del fumo vicino alla città di La Teste-de-Buch e c’erano lunghe code di traffico mentre le persone cercavano di andarsene e la polizia bloccava gli ingressi per impedire ai conducenti di entrare.

Il primo ministro Elisabeth Borne ha affermato che un’auto elettrica è responsabile dell’incendio a La Teste-de-Buch, ma i pubblici ministeri hanno affermato che un secondo incendio a Landiras nella regione della Gironda è stato classificato come criminale.

- Advertisement -

Le ondate di calore sono diventate più frequenti, più intense e durano più a lungo a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Il mondo si è già riscaldato di circa 1,1°C dall’inizio dell’era industriale e le temperature continueranno ad aumentare a meno che i governi di tutto il mondo non riducano drasticamente le emissioni.

I vigili del fuoco in Spagna hanno combattuto per proteggere la città di Monsagro mentre gli incendi sono scoppiati più a sud nel parco nazionale di Monfragüe, sede di rare specie di uccelli. La strada principale N-5 a Cáceres, appena ad est del parco, è stata interrotta quando un incendio boschivo ha raggiunto la strada.

In Portogallo , giovedì è stato registrato 47°C a Pinhão, nel nord, un record per luglio nel Portogallo continentale.

Giovedì l’Istituto sanitario Carlos III ha dichiarato che almeno 43 persone sono morte durante i primi due giorni dell’ultima ondata di caldo, domenica e lunedì, a causa del caldo.

I funzionari sanitari in Portogallo hanno registrato 238 decessi in più del normale dal 7 luglio, che hanno attribuito alle condizioni molto calde e molto secche. I più colpiti sono gli anziani, i bambini e le persone con malattie croniche. Funzionari di emergenza hanno detto che 187 sono stati feriti a causa degli incendi della scorsa settimana.

Più di 30 incendi sono stati attivi in ​​Portogallo venerdì, di cui uno in una foresta a Pombal, nella regione centrale di Leiria, che è durato una settimana. Quest’anno sono stati dati alle fiamme più di 300 kmq, un’area più grande rispetto a tutto il 2021.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati