Home Estero Pakistan. Linciato e dato alle fiamme perché avrebbe offeso Maometto. Polizia arresta...

Pakistan. Linciato e dato alle fiamme perché avrebbe offeso Maometto. Polizia arresta 120 persone

0
124

AgenPress – La polizia del Punjab ha affermato di aver arrestato uno degli uomini che hanno torturato a morte un uomo dello Sri Lanka e bruciato il suo corpo a Sialkot per presunta blasfemia. L’uomo è stato identificato come Farhan Idrees.

L’imputato aveva parlato ai media dopo l’incidente e aveva detto di aver ucciso l’uomo perché aveva bruciato una pagina sacra che parlava di Maometto.

Lo ha reso noto oggi la polizia del Punjab che ha arrestato 120 persone, incluso il principale sospettato Farhan Idrees.

Una folla a Sialkot ha brutalmente assassinato un uomo dello Sri Lanka e ha dato fuoco al suo corpo per accuse di blasfemia. Priyantha Kumara, l’export manager di una fabbrica privata, è stata attaccata dai lavoratori della fabbrica sulla strada Wazirabad a Sialkot.

L’ispettore generale della polizia del Punjab (IGP), Rao Sardar Ali Khan, ha ordinato agli ufficiali di polizia regionale di raggiungere immediatamente il sito mentre prendevano nota dell’incidente. L’IGP ha affermato che l’ufficiale di polizia del distretto di Sialkot, Umar Saeed Malik, era presente sul posto e che l’incidente sarà indagato a fondo.

Il portavoce della polizia di Sialkot aveva detto che i dettagli sul tragico evento saranno condivisi con i media una volta completate le indagini iniziali.

Il primo ministro del Punjab, Usman Buzdar, ha anche ordinato all’IGP di indagare a fondo sull’incidente e di presentare un rapporto il prima possibile. Il CM ha espresso preoccupazione per l’incidente, definendolo “molto tragico”.

La violenza di massa è stata duramente condannata dal primo ministro Imran Khan, che ha definito l’episodio “un attacco orribile”, affermando: “Oggi è un giorno di vergogna per il Pakistan”. Il premier dello Sri Lanka, Mahinda Rajapaksa, ha chiesto al suo omologo di portare davanti alla giustizia i responsabili del linciaggio. Il Paese e il suo popolo sono fiduciosi che il premier Khan “manterrà il suo impegno di portare tutte le persone coinvolte davanti alla giustizia”, ha affermato Rajapaksa.

Il ministro degli esteri pachistano Shah Mehmood Qureshi nel corso di una conversazione telefonica ha assicurato al suo omologo dello Sri Lanka, Gamini Lakshman Peiris, che tutti “i colpevoli saranno assicurati rapidamente alla giustizia”.