“Panchina per chi ha una casa e per chi non ce l’ha”

- Advertisement -

L’opera sarà visitabile presso i Giardini Bandello 24 ore su 24 dal 6 al 12 Giugno 2022


AgenPress. Una panchina, dal valore sociale e culturale, simbolo di inclusione e accoglienza: questa è la creazione presentata da Stefano Boeri Interiors nell’ambito del progetto Gentle-Touch of Re-Waste di Rossana Orlandi.

- Advertisement -

Lunga due metri, “Panchina per chi ha una casa e per chi non ce l’ha”si caratterizza per i due poggiabraccio dalle molteplici funzioni poggia/testa e per uno leggero pannello mobile montato sullo schienale che, all’occorrenza, diventa un utile riparo dal sole o dagli agenti atmosferici.  Le sedute, invece, grazie alla ampia dimensione sono in grado di trasformarsi in un letto per riposare.

La panchina è pensata per accogliere la sosta e il riposo dei camminatori urbani, ma anche – grazie alle due sponde laterali che diventano poggia/testa e al pannello mobile che può fungere da riparo dalla pioggia (e dal sole) – come luogo protetto notturno per chi non ha una casa”, così l’architetto Stefano Boeri racconta il lavoro ideato per Stefano Boeri Interiors, lo studio multidisciplinare di design e interni fondato con Giorgio Donà.

A definire la panchina è soprattutto il suo valore simbolico: essere casa per chi non ha una casa, per chi senza fissa dimora e possa trovare in questo oggetto la sua sistemazione momentanea nel mondo.

- Advertisement -

Poggiarsi, riposarsi, essere casa sono i sinonimi di questo piccolo oggetto realizzato in legno e ferro, che nelle città può essere d’aiuto e di conforto, una nuova modalità di abbellire le strade e i viali della città.

La panchina è stata realizzata grazie al lavoro artigiano di Mastro Barbanera e al supporto di Nicoletta Ermacora.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati