Pechino 2022. Indossa divisa cinese, premier taiwanese annuncia punizione per la pattinatrice Huang Yu-ting

- Advertisement -

AgenPressIl premier taiwanese Su Tseng-Chang ha chiesto un’indagine su un video della pattinatrice di velocità cinese di Taipei Huang Yu-ting con addosso un’uniforme cinese prima delle Olimpiadi invernali di Pechino.

Huang Yu-ting è arrivata 24a nella finale dei 1000m femminili, 26a nei 500m femminili e 26a nei 1500m prima dell’evento alla sua seconda Olimpiade.

- Advertisement -

Taipei cinese è il nome dato alle Olimpiadi al paese, più comunemente noto come Taiwan.

Huang è stata anche la portabandiera alla cerimonia di apertura, ma ha suscitato polemiche quando ha pubblicato un video di se stessa che indossava l’uniforme cinese mentre si allenava il 23 gennaio.

Huang, che era solo uno dei quattro atleti taiwanesi alle Olimpiadi invernali, ha risposto affermando che la tuta proveniva da un atleta cinese con cui aveva stretto amicizia in Germania.

- Advertisement -

“Per me era solo l’amicizia. Me l’ha regalato, l’abito, e l’ho indossato solo quando mi esercitavo. Non volevo dire niente. Ho pubblicato il video perché voglio solo dire a tutti che vado alle Olimpiadi. Sono felice di questo”, e sui social aveva scritto “lasciate che lo sport sia sport. Nello sport, non distinguiamo le nazionalità: siamo tutti buoni amici in privato”.

Così pur essendo considerata un bastione del liberalismo, in questo caso Taiwan non ‘farà sconti’ e punirà Huang Yu-ting: “sarà indagata e dovrà affrontare punizioni appropriate”, ha detto un portavoce del governo, visto che questa sarebbe stata la richiesta del Premier taiwanese Su Tseng-chang, il quale, a su volta ha sottolineato che “gli atleti dovrebbero mantenere la nostra dignità e onore nazionale”.

Il rapporto Cina-Taiwan è stato teso per decenni, dal 1949 quando i nazionalisti cinesi, che per diversi decenni hanno formato il governo sulla terraferma, sono fuggiti a Taiwan in seguito alla vittoria comunista nella guerra civile cinese.

Taiwan ha boicottato le Olimpiadi del 1976 e del 1980 perché il CIO non gli avrebbe permesso di marciare sotto la bandiera della Repubblica di Cina a seguito delle proteste della Repubblica popolare cinese.

Nel 1979 è stato raggiunto un compromesso. La risoluzione di Nagoya significava che gli atleti taiwanesi potevano rientrare nello stadio olimpico come una squadra separata.

Ma doveva essere sotto il nome “Taipei cinese” e una bandiera speciale unica per la squadra e abbastanza distinta dalla bandiera nazionale taiwanese.

Se un atleta vince l’oro, viene suonato l’inno della bandiera nazionale di Taiwan, non l’inno nazionale.

Il nome Taipei cinese si riferisce alla capitale di Taiwan, Taipei.

Pechino rivendica ancora Taiwan come propria e negli ultimi anni è diventata sempre più stridente nei suoi appelli affinché la nazione insulare si unisca alla Cina o affronti la minaccia di un’invasione.

Prima delle Olimpiadi, i discorsi sulla guerra iniziarono a dilagare. A dicembre, il Partito Comunista Cinese ha annunciato tramite i media statali che cinque aerei da guerra diretti in un’area a sud-ovest dell’isola mentre la Cina, gli Stati Uniti e l’Australia si sarebbero scontrati in una potenziale guerra nella regione di Taiwan.

Il presidente cinese Xi Jinping ha affermato lo scorso ottobre: ​​”Il compito storico della completa riunificazione della madrepatria deve essere adempiuto e sarà sicuramente adempiuto”.

Nel frattempo alla pattinatrice è stato permesso di gareggiare a Pechino, ma ora dovrà rispondere alle autorità del proprio comportamento. E certo non le gioverà il fatto di aver dichiarato, durante i Giochi, che a Pechino si sentiva “come a casa”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati