Presidenzialismo. Bocciata in commissione la riforma, assenti due nel cd. Italia Viva si astiene

- Advertisement -

AgenPress – La commissione Affari costituzionali della Camera stoppa la riforma che introdurrebbe il presidenzialismo e quindi l’elezione diretta del presidente della Repubblica.

E’ stato infatti approvato un emendamento soppressivo del primo articolo del testo, proposto da Fratelli d’Italia. I voti a favore dell’emendamento sono stati 21 (M5s-Pd, Leu e Alternativa) mentre i contrari sono stati 19 (gli esponenti del centrodestra unito). Italia Viva si è astenuta.

- Advertisement -

 

Determinanti per quella che è di fatto una bocciatura della proposta di riforma costituzionale sono state due assenze nel centrodestra: Anna Grazia Calabria di Forza Italia e Christian Invernizzi della Lega. Dal Carroccio negano intenti “politici” e spiegano che “Invernizzi era in missione”. I due voti di Calabria e Invernizzi avrebbero determinato il pareggio e quindi la mancata approvazione dell’emendamento.

 “Ci sono state due assenze in commissione, una di Forza Italia e una della Lega, altrimenti la riforma sul presidenzialismo sarebbe andata avanti. Ne prendiamo atto”. Questo il commento di Emanuele Prisco, capogruppo di Fdi in commissione e relatore alla riforma sul presidenzialismo. Oltre ai due esponenti di destra, c’era una terza persona assente, Francesco Forciniti di Alternativa, che però aveva presentato emendamenti soppressivi della legge.

- Advertisement -

 “Ci siamo astenuti perché riteniamo quella proposta insostenibile – spiega Marco Di Maio, capogruppo Iv -; ma essendo favorevoli all’ipotesi di una riforma in senso presidenziale del nostro ordinamento, non vogliamo sottrarci al confronto tra i partiti nella sede più appropriata, che è il Parlamento e la commissione Affari costituzionali. In questa direzione andavano alcuni emendamenti che avevamo presentato, in parte dichiarati inammissibili e in parte decaduti con l’approvazione degli emendamenti soppressivi. E’ del tutto evidente che si tratta di un tema che non si può esaurire in questi ultimi 12 mesi di legislatura”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati