Dati Covid in tempo Reale

All countries
243,618,963
Confermati
Updated on 22 October 2021 20:34
All countries
219,006,177
Ricoverati
Updated on 22 October 2021 20:34
All countries
4,951,170
Morti
Updated on 22 October 2021 20:34

Prigione dell’Ecuador. Rissa tra bande rivali. Sale il bilancio delle vittime, oltre 100

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress –  Almeno 116 persone sono morte in una rissa tra bande rivali nella prigione dell’Ecuador, dicono i funzionari, rendendola la peggiore violenza carceraria nella storia del paese.

Almeno cinque detenuti sono stati decapitati negli scontri di martedì nella città di Guayaquil, mentre altri sono stati uccisi.

Il Litoral Penitentiary ospita detenuti di bande ecuadoriane che si ritiene abbiano legami con i cartelli della droga messicani.

È considerata una delle prigioni più pericolose del Paese.

Il comandante della polizia Fausto Buenaño dice che i prigionieri hanno anche lanciato granate. Ci sono voluti 400 agenti di polizia per riprendere il controllo.

I media locali riferiscono che la rivolta è stata ordinata da potenti bande di narcotrafficanti messicani che ora operano in Ecuador.

Il direttore del servizio carcerario ecuadoriano, Bolivar Garzón, ha dichiarato alla radio locale che la situazione è “terribile”.

“Ieri la polizia ha preso il controllo alle 14:00,  ma ieri sera ci sono state altre sparatorie, altre cose, esplosioni e oggi al mattino abbiamo preso il controllo totale. Entriamo nei padiglioni dove c’è stato conflitto e scopriamo altri corpi2.

È l’ultimo di una serie di incidenti mortali che coinvolgono membri di bande rivali in lotta per il controllo delle carceri. A febbraio, 79 prigionieri sono stati uccisi in combattimenti simultanei.

Buenaño ha detto che i detenuti di un’ala della prigione erano strisciati attraverso un buco per accedere a un’altra ala, dove hanno attaccato i membri della banda rivale.

Più di 80 detenuti sono rimasti feriti.

La polizia è riuscita a raggiungere sei cuochi che erano rimasti intrappolati nell’ala dove si è svolta la rissa e a metterli in salvo.

Il presidente Guillermo Lasso ha dichiarato lo stato di emergenza nel sistema carcerario.

“È deplorevole che le carceri si stiano trasformando in un territorio di contese di potere tra bande criminali”, ha sottolineato Lasso e ha affermato che una delle prime azioni per affrontare questo fenomeno è stata quella di dichiarare lo “stato di eccezione” in tutto il Paese in tutto il sistema carcerario del Paese. Tradotto: in tutti i centri di detenzione ecuadoriani sono sospesi i diritti di libertà di associazione e riunione.

“Dichiarare lo stato di eccezione per grave tumulto interno in tutti i centri di privazione della libertà che compongono il sistema di riabilitazione sociale a livello nazionale, senza alcuna eccezione, per un periodo di 60 giorni dalla firma del presente decreto dirigenziale”, dice il documento firmato dal capo dello Stato. Allo stesso modo, il presidente ha indicato che è stato avviato un processo di coordinamento tra le diverse istituzioni statali, con l’obiettivo di “riprendere con assoluta fermezza il controllo del Penitenziario Litoral e impedire che questi eventi si ripetano in qualche altro centro penitenziario in Ecuador”.

Altre News

Articoli Correlati