Putin. A Bucha esercito russo non c’entra nulla. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile

- Advertisement -

AgenPress –  “Sappiamo chi ha messo in scena questa provocazione a Bucha. L’esercito russo non ha nulla a che fare con quello che è avvenuto”. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, per il quale “la provocazione a Bucha” è giunta per sabotare “gli importanti passi avanti dei colloqui di Istanbul”.

 “I colloqui vanno avanti, si tengono online, speriamo ci siano risultati positivi. Ma senza un accordo sulla Crimea e sul Donbass non è possibile firmare garanzie di sicurezza sull’Ucraina”, ha detto  incontrando il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

- Advertisement -

Secondo Putin, “i partner dell’Ucraina avevano concordato a Istanbul di lasciare fuori dai negoziati la Crimea, il Donbass e il nostro riconoscimento delle repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk”, ma adesso avrebbero “cambiato drasticamente linea”. “Gli accordi di Minsk 2 erano un tentativo di soluzione pacifica ma la popolazione del Donbass è rimasta sotto assedio e pressione militare”, ha aggiunto il leader del Cremlino.

Riguardo all’acciaieria di Azovstal di Mariupol, Putin ha  detto che l’area “è totalmente isolata”, senza “azioni di combattimento” nei suoi pressi. Sarebbero quindi le forze di Kiev a tenere i civili bloccati al suo interno, comportandosi “come terroristi”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati