Putin malato di cancro o morbo di Parkinson? Gonfio, aspetto da rana toro, goffo, paranoico

- Advertisement -

AgenPress – Vladimir Putin è in “condizioni psicologiche e fisiche pessime ed è gravemente malato”, di cancro e di altre malattie, secondo Kyrylo Budanov. La sconfitta in Ucraina porterà alla rimozione del leader russo e alla disintegrazione della Russia.

A parlare è il capo dell’intelligence ucraina Kyrylo Budanov in un’intervista a Sky News.

- Advertisement -

“Alla fine porterà al cambio di leadership della Federazione Russa. Questo processo è già stato avviato e si stanno muovendo in quella direzione”, ha dichiarato. E alla domanda se un colpo di stato fosse già in corso ha risposto: “Sì, si stanno muovendo in questo modo ed è impossibile fermarlo” ha affermato il generale ucraino.

Alla parata del 9 maggio il presidente russo non è parso in gran forma, tra la gamba destra trascinata, il braccio storto, il viso pallido ed evidenti segni di stanchezza.

Si parla di un ricovero d’urgenza, l’intervento affidato a specialisti sottoposti a controlli su più livelli e un piano di “supplenza” della durata di dieci giorni. Sono questi alcuni particolari, confermati da fonti informate, in merito al presunto ricovero e intervento al quale è sottoposto Vladimir Putin affetto – sembra – dal cancro. “Ci sono prove secondo cui, all’incirca una settimana fa, c’è stata una corsa in clinica del presidente russo, era notte, stava molto male”.

- Advertisement -

Secondo quanto riporta il New Lines Magazine Boris Karpichkov, un disertore del KGB in Gran Bretagna (ed ex ufficiale della Seconda Direzione Generale, specializzato in controspionaggio) pensa che la sua collega ex spia sessantenne soffra del morbo di Parkinson, insieme a “numerose” altre malattie tra cui la demenza. “È – o almeno agisce – pazzo e ossessionato dalle idee paranoiche”, ha detto Karpichkov al quotidiano Sun di Rupert Murdoch, paragonando Putin a questo riguardo a Stalin, che fu vittima di almeno un ictus.

L’aspetto da rana toro, l’andatura goffa, il comportamento irrequieto durante gli eventi televisivi, incluso il suo incontro del 22 aprile con il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu, in cui un Putin accasciato si aggrappava al bordo di un tavolo parodicamente minuscolo come per tenersi in piedi contro un tremore o una vertigine .

Ashley Grossman, professoressa di endocrinologia all’Università di Oxford, ha detto a New Lines : “Putin è sempre stato un uomo dall’aspetto molto in forma con un aspetto leggermente scarno. Ma negli ultimi due anni, sembra essersi riempito in faccia e collo. Aspetto cushingoide, si chiama, ed è compatibile con l’uso di steroidi.

Gli steroidi, ha detto Grossman, sono in genere prescritti per vari tipi di linfoma o mieloma, cancro delle plasmacellule, che “possono causare malattie ossee diffuse e colpire definitivamente la colonna vertebrale e la schiena”.

Il linfoma è in genere un tipo più aggressivo di cancro del sangue, che richiede una chemioterapia pesante che porta alla caduta dei capelli, qualcosa che Putin non ha mai sperimentato. Altri linfomi sono di grado inferiore, potrebbero non richiedere la chemioterapia e hanno meno probabilità di affliggere le ossa.

Il mieloma, anche le sue forme più aggressive, non richiede più necessariamente la chemioterapia. Spesso può essere trattata con agenti immunomodulatori e steroidi, nessuno dei quali precipita la caduta dei capelli. Il mieloma può, tuttavia, portare a fratture da compressione della colonna vertebrale, che rendono un paziente incurvato (vedi ancora quella vignetta anormale con Shoigu) o addirittura radersi a pochi centimetri dall’altezza.

Gli steroidi – uno comune è il prednisone – attaccano i linfociti maligni che circolano nel sangue, ma sono anche noti per due effetti collaterali comuni.

Il primo è un alto rischio di infezione a causa dell’esaurimento delle cellule immunitarie. “Chiunque assume dosi elevate di steroidi troverà molto più facile contrarre il COVID-19”, ha detto Grossman, il che potrebbe spiegare l’estrema germofobia di Putin e il ricorso all’isolamento simile a Howard Hughes. Anche la polmonite può facilmente uccidere un consumatore di steroidi immunocompromesso.

E il secondo effetto collaterale?

“Comportamento profondamente irrazionale o paranoico”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati