Dati Covid in tempo Reale

All countries
156,724,337
Confermati
Updated on 7 May 2021 07:20
All countries
134,942,414
Ricoverati
Updated on 7 May 2021 07:20
All countries
3,270,453
Morti
Updated on 7 May 2021 07:20
spot_img

Rapporto diritti umani, genocidio nello Xinjiang. Pechino vuole distruggere gli uiguri

AgenPress -Le presunte azioni del governo cinese nello Xinjiang hanno violato ogni singola disposizione della Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite , secondo un rapporto indipendente di oltre 50 esperti globali in diritti umani, crimini di guerra e diritto internazionale.

Il rapporto, pubblicato  dal think tank Newlines Institute for Strategy and Policy a Washington DC, afferma che il governo cinese “ha la responsabilità dello stato per un genocidio in corso contro gli uiguri in violazione della Convenzione sul genocidio (delle Nazioni Unite)”.
È la prima volta che un’organizzazione non governativa intraprende un’analisi legale indipendente delle accuse di genocidio nello Xinjiang, inclusa la responsabilità che Pechino può avere per i presunti crimini. Una copia anticipata del rapporto è stata vista esclusivamente dalla CNN.
Si ritiene che fino a 2 milioni di uiguri e altre minoranze musulmane siano stati collocati in una vasta rete di centri di detenzione in tutta la regione, secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, dove ex detenuti affermano di essere stati sottoposti a indottrinamento, abusi sessuali e persino sterilizzati con la forza. La Cina nega le accuse di violazioni dei diritti umani, affermando che i centri sono necessari per prevenire l’estremismo religioso e il terrorismo.
Parlando in una conferenza stampa il 7 marzo , il ministro degli Esteri Wang Yi ha detto che le accuse di un genocidio nello Xinjiang “non potrebbero essere più assurde”.
Il governo cinese ha ripetutamente difeso le sue azioni nello Xinjiang, affermando che i cittadini ora godono di un elevato standard di vita.
“L’accusa di genocidio è la menzogna del secolo, inventata da forze estremamente anti-cinesi. È una farsa assurda che mira a diffamare e diffamare la Cina”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin in una conferenza stampa il 4 febbraio.
I campi di detenzione, che Pechino chiama “centri di formazione professionale”, sono descritti dai funzionari e dai media statali come parte sia di una campagna di riduzione della povertà che di un programma di deradicalizzazione di massa per combattere il terrorismo.
Il 19 gennaio, l’amministrazione Trump uscente ha dichiarato che il governo cinese stava commettendo un genocidio nello Xinjiang. Un mese dopo, i parlamenti olandese e canadese hanno approvato mozioni simili nonostante l’opposizione dei loro leader.
Azeem Ibrahim, direttore delle iniziative speciali di Newlines e coautore del nuovo rapporto, ha detto che c’erano prove “schiaccianti” a sostegno della sua accusa di genocidio.
“Questa è una grande potenza globale, i cui leader sono gli artefici di un genocidio”, ha detto.
La Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio di quattro pagine è stata approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 1948 e ha una chiara definizione di ciò che costituisce “genocidio”. La Cina è firmataria della convenzione, insieme ad altri 151 paesi.
L’articolo II della convenzione afferma che il genocidio è un tentativo di commettere atti “con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.
Ci sono cinque modi in cui può avvenire il genocidio, secondo la convenzione: uccidere membri del gruppo; causare gravi danni fisici o mentali ai membri del gruppo; infliggere deliberatamente condizioni di vita calcolate per determinarne la distruzione fisica in tutto o in parte; imporre misure intese a prevenire le nascite all’interno del gruppo; o trasferire con la forza i bambini del gruppo in un altro gruppo.
Da quando la convenzione è stata introdotta nel 1948, la maggior parte delle condanne per genocidio si è verificata nei tribunali penali internazionali tenuti dall’ONU, come quelli per il Ruanda e la Jugoslavia, o nei tribunali nazionali. Nel 2006, l’ex dittatore Saddam Hussein è stato dichiarato colpevole di genocidio in un tribunale in Iraq.
Tuttavia, qualsiasi istituzione di un Tribunale penale internazionale richiederebbe l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, di cui la Cina è un membro permanente con potere di veto, rendendo improbabile qualsiasi udienza sulle accuse di genocidio nello Xinjiang.
Sebbene violare un solo atto nella Convenzione sul genocidio costituirebbe una constatazione di genocidio, il rapporto Newlines afferma che il governo cinese ha soddisfatto tutti i criteri con le sue azioni nello Xinjiang.
“Le politiche e le pratiche cinesi contro gli uiguri nella regione devono essere viste nella loro totalità, il che equivale a un intento di distruggere gli uiguri come gruppo, in tutto o in parte”, afferma il rapporto.
Un rapporto separato pubblicato l’8 febbraio dalla Essex Court Chambers di Londra, commissionato dal Congresso mondiale degli uiguri e dallo Uyghur Human Rights Project, è giunto a una conclusione simile che esiste un “caso credibile” contro il governo cinese per genocidio.
La convenzione non prevede pene o pene specifiche per Stati o governi determinati ad aver commesso un genocidio. Ma il rapporto Newlines afferma che in base alla convenzione, gli altri 151 firmatari hanno la responsabilità di agire.
spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati