Rapporto Onu. L’India supererà la Cina come il Paese più popoloso nel 2023

- Advertisement -

AgenPress – L’India è destinata a superare la Cina come paese più popoloso del mondo nel 2023, con oltre 1,4 miliardi di residenti in ciascuno quest’anno, secondo un rapporto delle Nazioni Unite lunedì (11 luglio), avvertendo che l’elevata fertilità sfiderebbe la crescita economica.

La popolazione mondiale, stimata in 8 miliardi entro il 15 novembre di quest’anno, potrebbe crescere fino a 8,5 miliardi nel 2030 e 10,4 miliardi nel 2100, poiché il ritmo della mortalità rallenta, afferma il rapporto pubblicato in occasione della Giornata mondiale della popolazione.

- Advertisement -

La popolazione indiana era di 1,21 miliardi nel 2011, secondo il censimento interno, che viene condotto una volta ogni decennio. Il governo aveva rinviato il censimento del 2021 a causa della pandemia di COVID-19.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, la popolazione mondiale stava crescendo al ritmo più lento dal 1950, essendo scesa al di sotto dell’1% nel 2020.

Nel 2021, la fertilità media della popolazione mondiale era di 2,3 nascite per donna nel corso della vita, essendo scesa da circa 5 nascite nel 1950. Si prevede che la fertilità globale diminuirà ulteriormente a 2,1 nascite per donna entro il 2050.

- Advertisement -

“Questa è un’occasione per celebrare la nostra diversità, riconoscere la nostra comune umanità e ammirare i progressi nella salute che hanno allungato la durata della vita e ridotto drasticamente i tassi di mortalità materna e infantile”, ha affermato in una nota il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Tuttavia, una popolazione in crescita ha ricordato la responsabilità condivisa di prendersi cura del pianeta e di “riflettere su dove ancora non riusciamo a rispettare i nostri impegni reciproci”.

Facendo riferimento a un precedente rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che stimava circa 14,9 milioni di decessi relativi alla pandemia di COVID-19 tra gennaio 2020 e dicembre 2021, il rapporto delle Nazioni Unite affermava che l’aspettativa di vita globale alla nascita è scesa a 71 anni nel 2021 da 72,8 anni nel 2019, per lo più a causa della pandemia.

Le Nazioni Unite hanno affermato che oltre la metà dell’aumento previsto della popolazione globale fino al 2050 sarà concentrato in otto paesi: Congo, Egitto, Etiopia, India, Nigeria, Pakistan, Filippine e Repubblica Unita di Tanzania.

Si prevede che i paesi dell’Africa subsahariana contribuiranno per più della metà dell’aumento previsto fino al 2050.

Tuttavia, si prevede che la popolazione di 61 paesi diminuirà dell’1% o più tra il 2022 e il 2050, trainata da un calo della fertilità.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati