Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,793,895
Confermati
Updated on 28 October 2021 05:50
All countries
221,074,719
Ricoverati
Updated on 28 October 2021 05:50
All countries
4,987,910
Morti
Updated on 28 October 2021 05:50

Referendum. Saviano contro Pd, M5S e governo. Di Maio? Nemmeno il padre lo voterebbe più

- Advertisement -

AgenPress – “Non ho mai avuto alcuna aspettativa su questo governo. Poi è evidente che c’è, c’è stato e potrà esserci di peggio. Ma io non sono montanelliano, non mi piace turarmi il naso”.

A dirlo è il giornalista Roberto Saviano, in un’intervista alla Stampa,  secondo cui “era evidente che da questa alleanza solo il M5s avrebbe tratto vantaggio. Del resto se avesse continuato a governare con Salvini per altri due mesi sarebbe arrivato allo 0%. E a Di Maio nemmeno più il padre lo avrebbe votato dopo la pubblica gogna alla quale fu esposto, proprio dal figlio”.

- Advertisement -

“Il Pd è succube di una gravissima mancanza di identità politica. Non ha una posizione chiara sulle questioni più rilevanti. È vapore acqueo”, dice ancora  Saviano, attaccando  il segretario dem Nicola Zingaretti, che “dà la costante impressione di camminare rasente i muri per non essere notato”, e l’ex capo politico del M5s Luigi Di Maio. I decreti sicurezza, dice, “non li cambieranno mai perché il capo di fatto del Movimento, Di Maio, è intriso di una cultura profondamente autoritaria e xenofoba”.

Saviano spiega il suo tweet contro il Pd: “Non se ne può più di chi non ha una posizione su nulla e giustifica la propria esistenza da 25 anni prima in opposizione a Berlusconi e poi a Salvini. Indignandosi quando sono all’opposizione e lasciando tutto immutato (per meglio gestire il potere) quando sono al governo. È politica questa? A me pare arte della sopravvivenza”.

“La prima e più grande bugia del Pd è l’inversione di rotta sulle politiche migratorie. Il dramma libico è talmente enorme che solo la storia potrà rendere giustizia all’immane sofferenza di esseri umani che preferiamo ‘gestire’ pagando direttamente i loro carnefici”, prosegue Saviano. Al referendum sul taglio dei parlamentari, “dopo la scelta della direzione del Pd, voterò convintamente No. E il mio sarà un voto contro questa classe dirigente, sottolinea il giornalista.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati