Dati Covid in tempo Reale

All countries
260,908,938
Confermati
Updated on 27 November 2021 04:59
All countries
233,936,832
Ricoverati
Updated on 27 November 2021 04:59
All countries
5,206,804
Morti
Updated on 27 November 2021 04:59

Reporter senza frontiere. La stampa libera in Cina avrebbe potuto prevenire la pandemia

- Advertisement -

Agenpress – “Se ci fosse stata una stampa libera in Cina, se questi informatori non fossero stati messi a tacere, allora si sarebbe potuto impedire che si trasformasse in una pandemia”.

Lo ha detto Rebecca Vincent, direttore dell’ufficio di  Reporter senza frontiere ( RSFnel Regno Unito, sottolineando come la Cina è al 177° posto per libertà di stampa.

“A volte possiamo parlare della libertà di stampa in modo teorico, ma questo dimostra che a volte l’impatto può essere fisico. Può influire su tutta la nostra salute”, ha detto.
I politici cinesi hanno minimizzato la gravità del virus nelle prime settimane, mentre la polizia ha preso di mira i “rumormongers” e i censori hanno eliminato qualsiasi commento che mettesse in discussione la linea ufficiale.
 Il sindaco di Wuhan, Zhou Xianwang, in seguito ha affermato di aver capito che il pubblico era “insoddisfatto della nostra divulgazione di informazioni”.
“Segnalare la verità il prima possibile avrebbe permesso al resto del mondo di reagire probabilmente prima e probabilmente più seriamente”, ha aggiunto Vincent.
“Le conseguenze (della soffocante libertà dei media) sono in realtà mortali”.
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang ha criticato Martedì RSF durante un briefing quotidiano sulla stampa, affermando che “questa organizzazione ha sempre avuto un profondo pregiudizio nei confronti della Cina e il loro cosiddetto rapporto non vale la pena di essere respinto”.
“La Cina sostiene la politica nazionale di base per aprirsi alla parola esterna e accoglie con favore i media e i giornalisti stranieri”, ha detto Shuang ai giornalisti. “Siamo contrari ai pregiudizi ideologici contro la Cina, alla pubblicazione di notizie false in nome della cosiddetta libertà di stampa e ai comportamenti contrari all’etica giornalistica”.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati