Dati Covid in tempo Reale

All countries
245,391,078
Confermati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
220,728,902
Ricoverati
Updated on 27 October 2021 09:49
All countries
4,981,291
Morti
Updated on 27 October 2021 09:49

Roma. Violenza sessuale a Trastevere. Aversa e Cioffari: “giornalismo superficiale e omofobo”

- Advertisement -

Agenpress – Sabato scorso, a Trastevere, in pieno centro storico, un ragazzo di 25 anni è stato sottoposto a sevizie e stuprato da un 35enne.

Verso l’una il violentatore, avendo visto il ragazzo da solo, in macchina, intento a giocherellare con il cellulare, con la forza è entrato nell’auto, dove ha costretto il malcapitato ad un rapporto orale e poi ad un rapporto anale. Terminata la violenza, secondo gli inquirenti, l’arrestato, credendo di avere in pugno la vittima, ha pensato anche di obbligare il ragazzo ad andare a prendere del denaro al più vicino bancomat.

- Advertisement -

Una volta uscito dalla sua auto, però, la vittima ha visto un’auto dei carabinieri e, in lacrime, ha raccontato ai militari lo stupro subito. I militari hanno potuto individuare e arrestare il presunto stupratore mentre ancora si aggirava per Trastevere con visibili graffi al volto.

A raccontare il raccapricciante episodio il giornalista Giulio De Santis sulle pagine del Corriere della Sera.

“Esprimiamo solidarietà alla vittima della violenza e confidiamo in una rapida soluzione giudiziaria”, dichiarano Saverio Aversa e Mauro Cioffari, storici attivisti del movimento LGBTQ+, “ma non possiamo non sottolineare la superficialità con la quale, per l’ennesima volta, la cronaca di una violenza sessuale è stata trattata”.

- Advertisement -

Il giornalista del Corriere della Sera fa la cronaca di una violenza sessuale in cui violentatore e vittima sono entrambi uomini. In chiusura dell’articolo l’autore scrive: “Le modalità della violenza, molto cruenta, non hanno reso necessario, in questa fase, conoscere le inclinazioni sessuali della vittima”.

“Non si capisce”, continuano Aversa e Cioffari, “che importanza abbia sapere se la vittima è gay o eterosessuale”.

“Esprimiamo forte indignazione per la posizione omofobica espressa da uno dei quotidiani italiani più importanti”, concludono Aversa e Cioffari.  “Posizione ulteriormente aggravata dal pregiudizio nei confronti di una vittima di violenza sessuale e di un tentativo di rapina”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati