Sen. Domenico Scilipoti Isgrò: “Draghi, non viviamo in Bulgaria”

- Advertisement -

AgenPress. Nel silenzio ovattato dei grandi media è forse sfuggita nei commenti una circostanza abbastanza singolare. E cioè: in Parlamento vi è chi vuole discutere del decreto concorrenza (piuttosto condivido le sacrosante proteste dei gestori dei lidi).

Draghi ha perciò convocato ad horas un consiglio dei ministri nel quale ha invitato a velocizzare i tempi e mettere persino la fiducia per annullare le discussioni. In sintesi ha invitato a bypassare il Parlamento che da tempo ormai non svolge più il suo ruolo. E’ gravissimo che un leader non eletto, ma nominato (per sua stessa ammissione), con una maggioranza straripante e con una minima opposizione, intenda annullare i legittimi poteri e doveri del Parlamento.

- Advertisement -

In questa anomala situazione dovrebbe persino intervenire il garante della Costituzione che è il Capo dello Stato, mentre i ministri e i parlamentari ben farebbero a prendere una posizione chiara ove non condividano la decisione di Draghi. Draghi evidentemente pensa di essere in Bulgaria e non in una evoluta democrazia parlamentare”: lo dice in una nota il Presidente di Unione Cristiana Sen. Domenico Scilipoti Isgrò

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati