Dati Covid in tempo Reale

All countries
347,310,571
Confermati
Updated on 22 January 2022 11:46
All countries
274,624,830
Ricoverati
Updated on 22 January 2022 11:46
All countries
5,604,886
Morti
Updated on 22 January 2022 11:46

Sindacato Nazionale Orizzonte Docenti (SINOD), critico su rientro a scuola in Sicilia

- Advertisement -

AgenPress. Domani, mercoledì 13 gennaio, gli studenti siciliani torneranno in classe in presenza, così come è stato deciso dal governo Musumeci, su indicazione della task-force regionale, riunitasi stamane in video-conferenza con l’assessorato regionale all’Istruzione.

Antonino Ballarino, che in Italia presiede il Sindacato Nazionale Orizzonte Docenti (SINOD), esprime il proprio rammarico e la propria contrarietà: “Ma che senso ha la decisione presa oggi dal presidente Musumeci e dall’assessore Lagalla ­ quando da più fonti –tra cui alcuni autorevoli esperti della comunità scientifica come il consigliere scientifico del ministro della Salute, Walter Ricciardi- arriva l’accorato invito a ritardare il ritorno a scuola?

- Advertisement -

E’ un gravissimo errore aver deciso di riaprire le scuole senza aver prima atteso di vaccinare il più possibile bambini e ragazzi. Si auspica forse che la Sicilia diventi zona arancione o rossa per tenere chiuse le scuole, conseguentemente ad un incremento delle degenze in terapia intensiva? Dobbiamo aspettare che accada proprio questo per tenerle chiuse, visto che per chiudere le scuole autonomamente da parte delle singole regioni (senza l’ok del Ministero all’Istruzione) occorre essere in zona arancione o rossa?

Ecco -sostiene il presidente del SINOD– che allora viene spontaneo chiedersi: esiste o non esiste il problema? E se non esiste, perché si paventa per la Sicilia una zona arancione o rossa? Che senso ha riaprire le scuole solo per alcuni giorni, quando magari non mancherà molto per richiuderle a causa dell’acuirsi dei contagi? Che scuola è questa… in questo modo? Desideriamo che il governo regionale risponda a questo semplice quesito.

Invece –prosegue Ballarino, si faccia prima quanto è necessario per garantire la giusta sicurezza nelle scuole siciliane e poi si provveda a fare il maggior numero possibile di vaccini alla popolazione scolastica… E poi magari si decide per il rientro in classe. Infine mi chiedo se il governo regionale è proprio sicuro che in tutte le scuole della Sicilia ci saranno le necessarie mascherine FFP2? O andrà a finire che dovranno acquistarle i genitori?”

- Advertisement -

Il presidente nazionale del SINOD, Antonino Ballarino, fa notare che nei giorni scorsi “ci saranno state pure delle buone ragioni se più di duemila dirigenti scolastici hanno manifestato la loro contrarietà alle scelte del Consiglio dei ministri e hanno chiesto ‘una programmata e provvisoria sospensione delle lezioni in presenza per due settimane, con l’attivazione di quelle a distanza, sicuramente preferibile ad una situazione che appare ingestibile e che provocherà la frammentazione e l’interruzione delle lezioni, con una conseguente scarsa efficacia formativa’. Inutile ricordare che il virus si trasmette per via aerea e l’ambiente ‘classe’ è una condizione favorevole al contagio per alunni e docenti, anche se vaccinati. Il problema sono i contagi fuori e non a scuola: urge vaccinare gli studenti, prima di farli rientrare in classe.”

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati