Dati Covid in tempo Reale

All countries
523,209,618
Confermati
Updated on 17 May 2022 02:44
All countries
478,914,906
Ricoverati
Updated on 17 May 2022 02:44
All countries
6,290,453
Morti
Updated on 17 May 2022 02:44

Siria. Unicef. Quasi 850 bambini a rischio nel carcere Ghwayran dell’Isis. Molti detenuti da tre anni

- Advertisement -

AgenPress –  L’UNICEF, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, ha comunicato che quasi 850 bambini sono a rischio immediato a causa delle violenze tra le YPG/PKK e i terroristi di Daesh nel nord-est della Siria.

L’intensificarsi della violenza nella città di Hassakeh, legata all’evasione dalla prigione la scorsa settimana, ha messo a serio rischio quasi 850 bambini detenuti, ha detto domenica il rappresentante dell’organizzazione Viktor Nylund.

- Advertisement -

Secondo quanto riferito, alcuni dei bambini hanno appena 12 anni.

Secondo i rapporti, più di 100 persone sono state uccise e migliaia sono state sfollate a causa delle continue violenze che circondano la prigione di Geweran.

“I bambini nella prigione di Ghwayran sono bambini e hanno il diritto di accedere alle procedure di giustizia riparativa”, ha affermato Nylund.

- Advertisement -

“Chiediamo il rilascio dei bambini dal carcere. La detenzione dei bambini dovrebbe essere solo una misura di ultima istanza e per il più breve tempo possibile”, ha aggiunto.

Secondo Nylund, quasi 10.000 bambini e le loro madri si trovano nei centri di detenzione o nei campi. Provengono da più di 60 paesi e stanno lottando per sopravvivere in condizioni sempre più terribili e il rigido inverno.

Ha affermato che i bambini sono “criticamente vulnerabili e hanno urgente bisogno di protezione”.

“L’UNICEF invita tutte le parti nel nord-est e altrove in Siria a tenere i bambini fuori pericolo e a proteggerli in ogni momento. Chiediamo ancora una volta a tutti gli Stati membri coinvolti di intraprendere azioni urgenti e responsabili nell’interesse superiore dei bambini e riportare loro e le loro madri nel loro paese di origine”, ha aggiunto.

In un comunicato, Sonia Khush, direttrice del programma Siria per Save the Children ha affermato che “quello che sentiamo dalla prigione di Guweiran è profondamente angosciante. Le notizie di bambini uccisi o feriti sono tragiche e oltraggiose”. Gli scontri erano scoppiati giovedì scorso dopo che nella notte tra mercoledì e giovedì un commando di miliziani jihadisti aveva preso d’assalto il carcere di Gweiran, nel capoluogo di Hasake.

Dal 20 gennaio a oggi i combattimenti tra le parti non si sono fermati e si sono invece allargati ai quartieri di Hasake nei pressi del centro di prigionia.

Hassakeh si trova nel nord-est del paese dilaniato dalla guerra, che è controllato dai terroristi siriani YPG del gruppo terroristico del PKK.

Almeno 120 persone sono state uccise in Siria, tra cui sette civili, mentre le battaglie tra il gruppo terroristico YPG/PKK sostenuto dagli Stati Uniti e i terroristi di Daesh infuriavano per il quarto giorno consecutivo , ha affermato domenica un osservatore della guerra.

I combattimenti sono iniziati giovedì tardi con un assalto di oltre 100 terroristi Daesh alla prigione di Gweiran nella città di Hassakeh gestita dai terroristi delle YPG – che ospita il maggior numero di estremisti del paese – segnando l’operazione più significativa del gruppo da quando è stato quasi dichiarato sconfitto in Siria tre anni fa.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) con sede in Gran Bretagna, le battaglie in corso hanno visto i terroristi di Daesh liberare compagni estremisti e sequestrare le armi immagazzinate nel carcere, in quello che gli esperti hanno descritto come un palese tentativo di riorganizzarsi.

Almeno 77 terroristi Daesh e 39 YPG, comprese le cosiddette forze di sicurezza interna e le guardie carcerarie, sono stati uccisi con violenza all’interno e all’esterno della prigione dall’inizio dell’attacco, ha affermato il SOHR.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati