Sparatoria in Texas. Biden: “Sono stanco, dobbiamo agire sulle armi. Un 18enne non può acquistare un fucile!”

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente Biden stasera si è rivolto alla nazione dalla Casa Bianca, dopo che un 18enne ha ucciso 18 bambini e tre adulti alla Robb Elementary School di Uvalde, in Texas. 

“Sono stanco, dobbiamo agire” sulle armi. L’idea che un 18enne possa entrare in un negozio e acquistare un fucile è sbagliata”, aggiunge Biden con a fianco la First Lady Jill Biden.

- Advertisement -

Ha definito la sparatoria di massa di oggi alla Robb Elementary School di Uvalde, in Texas, “un altro massacro” negli Stati Uniti.

Sulle armi “possiamo fare di più e dobbiamo fare di più. Quando per l’amor del cielo affronteremo la lobby delle armi?”, aggiunge Biden evidentemente scosso e con le lacrime agli occhi. Da vicepresidente Biden aveva vissuto in prima persona il massacro alla scuola elementare di Sandy Hook definendolo allora uno dei periodi più bui degli otto anni di presidenza Obama.

“Speravo quando sono diventato presidente di non dover fare questo ancora una volta. E’ il momento di trasformare il dolore in azione, e farlo ogni genitore e per ogni cittadino di questo paese”, aggiunge Biden chiedendo leggi sulle armi di buon senso di fronte a una lobby che ha trascorso due decenni a promuovere aggressivamente armi d’assalto. “Perché vogliamo viere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada? Per l’amor del cielo dov’è la nostra spina dorsale?” 

- Advertisement -

“Bellissimi, innocenti, alunni di seconda, terza, quarta elementare. E quante decine di bambini piccoli che assistono a quello che è successo, vedono i loro amici morire, come se fossero su un campo di battaglia per l’amor di Dio”. 

Il presidente ha detto: “Perdere un figlio è come vedersi strappare via un pezzo dell’anima”. Ha detto che la sensazione è “soffocante”.

Il presidente ha invitato la nazione a pregare per le vittime a “opporsi alla lobby delle armi” sulla scia degli eventi odierni.

“Quindi stasera, chiedo alla nazione di pregare per loro, di dare ai genitori e ai fratelli la forza nell’oscurità che sentono ora. Come nazione, dobbiamo chiedere quando in nome di Dio ci alzeremo alla lobby delle armi? Quando, in nome di Dio, faremo ciò che tutti sappiamo nel nostro istinto che deve essere fatto?”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati