Dati Covid in tempo Reale

All countries
158,910,063
Confermati
Updated on 9 May 2021 22:25
All countries
137,294,140
Ricoverati
Updated on 9 May 2021 22:25
All countries
3,305,131
Morti
Updated on 9 May 2021 22:25
spot_img

Spionaggio. E’ Walter Biot, l’ufficiale Marina arrestato per vendita documenti ai russi

AgenPress – Si chiama Walter Biot l’ufficiale della Marina arrestato per spionaggio.  Il capitano in servizio presso lo Stato maggiore della Difesa, ruolo che gli permetteva di avere accesso a documenti militari “classificati” nonostante il grado di ufficiale inferiore. Biot in precedenza aveva ricoperto già diversi ruoli di rilievo e nel 2014 lavorava nell’ufficio relazioni Istituzionali del Ministero della Difesa presieduto da Roberta Pinotti, poi era stato trasferito ed è passato a un incarico importante e delicato allo Stato maggiore, nell’ufficio Politica Militare, ruolo per cui aveva accesso ai file venduti.

La lunga indagine è stata condotta dal Ros con l’Agenzia Informazioni Sicurezza Interna (Aisi), con il supporto dello Stato Maggiore della Difesa. Dall’ufficio di Biot passavano documenti riservati, compresi come già accennato quelli della Nato: il capitano di Fregata della Marina militare potrebbe dunque aver venduto alla Russia dei carteggi sulle missioni internazionali compiute dall’Alleanza atlantica, tra cui gli interventi militari in Afghanistan e Iraq.

Biot deve rispondere ora dei reati di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, spionaggio politico-militare e spionaggio di notizie di cui è stata vietata la divulgazione. Secondo l’accusa, il militare avrebbe consegnato documenti segreti a un ufficiale dei servizi segreti russi accreditato presso l’ambasciata di Mosca dietro corrispettivo in denaro. In particolare per i suoi servigi avrebbe ricevuto circa cinquemila euro in banconote nascoste all’intero di una scatola di cartone. Secondo quanto si apprende, lo scambio è avvenuto ieri sera quando il militare è stato arrestato in flagranza di reato.

Il  militare per non farsi scoprire avrebbe fotografato i documenti riservati che gli apparivano sul computer e poi avrebbe salvato le immagini su pendrive da consegnare. Secondo fonti statunitense, ad ogni modo i file rubati, anche se classificati come riservati, non sarebbero di particolare rilievo anche se interessavano il comparto Nato.

 

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati