Studio. L’inquinamento globale uccide 9 mln di persone l’anno, come il fumo attivo e passivo

- Advertisement -

AgenPress –  Milioni di morti all’anno a livello globale, con il bilancio delle vittime attribuito all’aria sporca di automobili, camion e industria in aumento del 55% dal 2000.

Tale aumento è compensato da un minor numero di decessi per inquinamento da stufe per interni primitive e acqua contaminata da rifiuti umani e animali, quindi i decessi complessivi per inquinamento nel 2019 sono più o meno gli stessi del 2015.

- Advertisement -

Gli Stati Uniti sono l’unico paese completamente industrializzato tra le prime 10 nazioni per decessi totali per inquinamento, classificandosi al 7° posto con 142.883 decessi attribuiti all’inquinamento nel 2019, inseriti tra Bangladesh ed Etiopia, secondo un nuovo studio sulla rivista The Lancet Planetary Health. Lo studio pre-pandemia di martedì si basa su calcoli derivati ​​dal database Global Burden of Disease e dall’Institute for Health Metrics and Evaluation di Seattle. India e Cina guidano il mondo nelle morti per inquinamento con quasi 2,4 milioni e quasi 2,2 milioni di morti all’anno, ma le due nazioni hanno anche la popolazione più numerosa del mondo.

Quando le morti sono messe su un tasso per popolazione, gli Stati Uniti sono al 31esimo posto dal basso con 43,6 morti per inquinamento ogni 100.000. Il Ciad e la Repubblica Centrafricana sono le più alte con tassi di circa 300 morti per inquinamento ogni 100.000, più della metà a causa di acqua contaminata, mentre Brunei, Qatar e Islanda hanno i tassi di mortalità per inquinamento più bassi che vanno da 15 a 23. La media globale è 117 morti per inquinamento ogni 100.000 persone.

L’inquinamento uccide circa lo stesso numero di persone all’anno in tutto il mondo come il fumo di sigaretta e il fumo passivo messi insieme.

- Advertisement -

“9 milioni di morti sono un sacco di morti”, ha affermato Philip Landrigan, direttore del Global Public Health Program e del Global Pollution Observatory al Boston College.

“La cattiva notizia è che non sta diminuendo”, ha detto Landrigan. “Stiamo facendo guadagni nelle cose facili e stiamo vedendo le cose più difficili, che sono l’inquinamento atmosferico (industriale all’aperto) e l’inquinamento chimico, che continuano a salire”.

Non deve essere così, hanno detto i ricercatori.

“Sono morti prevenibili. Ognuno di loro è una morte non necessaria”, ha affermato la dott.ssa Lynn Goldman, preside della George Washington University School of Public Health, che non faceva parte dello studio. Ha detto che i calcoli avevano senso e semmai. era così prudente su ciò che attribuiva all’inquinamento, che il vero bilancio delle vittime è probabilmente più alto.

I certificati per queste morti non dicono inquinamento. Elencano malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, altri problemi polmonari e diabete che sono “strettamente correlati” con l’inquinamento da numerosi studi epidemiologici, ha detto Landrigan. Per poi metterli insieme alle morti effettive, i ricercatori esaminano il numero di decessi per causa, l’esposizione all’inquinamento ponderata per vari fattori e quindi i calcoli complicati della risposta all’esposizione derivati ​​da ampi studi epidemiologici basati su migliaia di persone in decenni di studio.  È lo stesso modo in cui gli scienziati possono dire che le sigarette causano il cancro e la morte per malattie cardiache.

Le morti per inquinamento sono in aumento nelle aree più povere, hanno affermato gli esperti.

“Questo problema è peggiore nelle aree del mondo dove la popolazione è più densa (ad esempio l’Asia) e dove le risorse finanziarie e governative per affrontare il problema dell’inquinamento sono limitate e limitate per affrontare una serie di sfide tra cui la disponibilità dell’assistenza sanitaria e la dieta, nonché inquinamento”, ha affermato Dan Greenbaum, presidente dell’Health Effects Institute, che non faceva parte dello studio.

Nel 2000, l’inquinamento atmosferico industriale ha ucciso circa 2,9 milioni di persone all’anno a livello globale. Nel 2015 erano fino a 4,2 milioni e nel 2019 erano 4,5 milioni, afferma lo studio. Lo studio ha rilevato che l’inquinamento atmosferico domestico, principalmente da stufe primitive inefficienti, e l’inquinamento atmosferico hanno ucciso 6,7 milioni di persone nel 2019.

L’inquinamento da piombo – in parte dovuto all’additivo al piombo che è stato bandito dalla benzina in tutti i paesi del mondo e anche da vecchie vernici, batterie di riciclaggio e altri processi produttivi – uccide 900.000 persone all’anno, mentre l’inquinamento dell’acqua è responsabile di 1,4 milioni di morti all’anno. L’inquinamento della salute sul lavoro aggiunge altri 870.000 morti. 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati