Sud. Nesci, con Decontribuzione 2 milioni 649 mila contratti

- Advertisement -

AgenPress. “La Decontribuzione Sud rappresenta una delle misure più rilevanti messe in campo dal Governo per sostenere l’occupazione nel Mezzogiorno, tramite un abbattimento del costo del lavoro pari al 30 per cento dei contributi dovuti. La misura, attivata nel 2020, ha dato risultati estremamente positivi in termini di stabilità occupazionale e sostegno al tessuto produttivo. Secondo quanto reso noto dall’INPS l’esonero contributivo ha trovato applicazione in 2.649.782 rapporti di lavoro, per complessivi 368.307 datori di lavoro”.

 

- Advertisement -

Lo ha detto, rispondendo a una interpellanza in Aula a Montecitorio, la Sottosegretaria per il Sud Dalila Nesci

 

“Solo nel 2021, e in particolare nel periodo da gennaio a novembre, i rapporti di lavoro incentivati si sono attestati complessivamente a 1.207.522, di cui 1.121.414 assunzioni e 86.108 trasformazioni. Le assunzioni – ha aggiunto – hanno interessato essenzialmente i seguenti settori: commercio (41 per cento), attività professionali e amministrative (circa 16 per cento), costruzioni (circa 15 per cento) e attività manifatturiere (circa 13 per cento). Si tratta di numeri significativi, che confermano l’efficacia della misura volta a contenere gli effetti negativi sull’occupazione dovuti alla crisi economica in quelle aree più fragili del Paese già caratterizzate da situazioni di disagio socio-economico.

- Advertisement -

 

Anche in ragione del perdurare degli effetti della crisi pandemica, la Commissione europea ha esteso, in parallelo con la proroga del Quadro temporaneo degli aiuti di Stato – Temporary Framework, la Decontribuzione al 30 giugno 2022. Un traguardo importante, che il Ministero per il Sud intende rafforzare avviando un confronto con la Commissione europea finalizzato a rendere stabile l’intervento nel medio periodo, anche individuando un’altra base giuridica, e – ha concluso Nesci – farlo diventare un sostegno strutturale al rilancio dell’occupazione nel Mezzogiorno, in particolare di quella giovanile e femminile”

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati