Suicidio assistito. Federico, 44 anni, tetraplegico da 12, vince la sua battaglia. Si è spento oggi alle 11,05

- Advertisement -

AgenPress –  Federico Carboni, 44enne marchigiano tetraplegico da 12 anni, dopo un incidente stradale, prima persona in Italia che ha scelto legalmente il suicidio medicalmente assistito, dopo una battaglia legale, ha ricevuto la strumentazione e il farmaco per eseguirlo e  “alle 11.05 di oggi è morto”.  A comunicare il decesso  è stata l’Associazione Luca Coscioni che lo ha affiancato anche nella battaglia legale successiva alla sentenza della Corte Costituzionale sulla vicenda Cappato/djFabo e che ha raccolto fondi per la strumentazione necessaria.

L’Associazione Luca Coscioni che, grazie a una “straordinaria mobilitazione”, ha raccolto in poche ore 5mila euro per aiutare Mario a reperire la strumentazione. “In assenza di una legge – spiega l’Ass. Coscioni – lo Stato italiano non si è fatto carico dei costi dell’assistenza al suicidio assistito e dell’ erogazione del farmaco”.

- Advertisement -

“Grazie a tutti – dichiara “Mario” (nome di fantasia fino alla morte)  – per avere coperto le spese del ‘mio’ aggeggio, che poi lascerò a disposizione dell’Associazione Luca Coscioni per chi ne avrà bisogno dopo di me. Continuate a sostenere questa lotta per essere liberi di scegliere”. In merito alla necessità della raccolta fondi per la strumentazione necessaria a “Mario” l’Ass. Coscioni spiega: “In assenza di una legge, lo Stato italiano non si è fatto carico dei costi dell’assistenza al suicidio assistito e dell’ erogazione del farmaco, nonostante la tecnica sia consentita dalla Corte Costituzionale con la sentenza Cappato/Dj Fabo”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati