Ucraina. A guerra iniziata Salvini cena con Sergey Razov, ambasciatore russo in Italia all’insaputa di Draghi

- Advertisement -

AgenPress – Dopo cinque giorni dall’inizio dell’invasione Matteo Salvini e Antonio Capuano,  ex deputato di Forza Italia di Frattaminore che è diventato, negli ultimi mesi, una sorta di superconsulente di Salvini per la politica estera, hanno cenato con Sergey Razov all’ambasciata di Roma. Capuano smentisce, ma l’ambasciata conferma tutto al quotidiano Domani che riporta la notizia.

L’incontro, riferisce il quotidiano è avvenuto “presso l’ambasciata a Roma, dove Razov ha organizzato una cena per il capo della Lega. L’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo era iniziata solo una settimana prima, e intorno al tavolo – risulta a Domani – erano seduti Salvini, Capuano, Razov e il suo consigliere e traduttore. Non sappiamo di cosa abbiano parlato gli astanti, ma è probabile che le discussioni siano cadute su questioni legate al conflitto appena scoppiato, alle rimostranze della Russia e – forse – alla posizione del partito di Salvini (da sempre considerato vicinissimo a Vladimir Putin) rispetto a Mosca, in quei giorni già presa di mira delle prime sanzioni occidentali. Qualche fonte interna alla Lega suggerisce che la coppia Salvini-Capuano abbia incontrato Razov altre volte anche a metà marzo e inizio aprile, ma un fatto è certo: Domani ha contattato Palazzo Chigi, che dice di non essere a conoscenza di alcun incontro riservato tra il leader di uno dei partiti della maggioranza e l’ambasciatore Razov: «Fosse vera la notizia, sarebbe gravissimo».

- Advertisement -

“Non sappiamo nulla dell’incontro, sarebbe grave anche perché sarebbe avvenuto dopo l’invasione dell’Ucraina”. La portavoce di Mosca: “Non possiamo dire nulla sul contenuto del colloquio tra Salvini e Razov”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati