Ucraina. A Kremenchuk nessun sopravvissuto sotto le macerie. Mosca: “colpito deposito di armi”

- Advertisement -

AgenPress –  Non ci sono altri sopravvissuti sotto le macerie del centro commerciale di Kremenchuk, nell’Ucraina centrale, colpito ieri da un attacco missilistico russo. Lo ha riferito il ministro dell’Interno di Kiev, Denys Monastyrsky, citato da Ukrinform. Secondo l’ultimo bilancio ufficiale, le vittime accertate sono almeno 20.

A oltre ventiquattr’ore dall’attacco missilistico che in pieno giorno ha polverizzato negozi e supermercati affollati da centinaia di persone, le vittime accertate sono almeno 20 – alcune ancora neppure identificate, ci vorrà il test del dna per dare un nome ai loro corpi carbonizzati -, i feriti 59, di cui 25 ricoverati in ospedale. Ma il ministero della Difesa russo ha respinto le accuse di “atrocità” e “barbarie”, lanciate da Kiev e dai leader del G7, affermando di aver preso di mira con un “missile di precisione” un deposito in cui erano stoccate armi inviate dagli Usa e dall’Europa, provocando un incendio che si è poi propagato al vicino centro commerciale, che a Mosca risultava “non in funzione”.

- Advertisement -

Giustificazioni che però contrastano con le immagini della tragedia, immortalate nei video diffusi sul web in cui la gente fugge terrorizzata tra le fiamme e i crolli. Un attacco che ha provocato il panico anche tra i passanti, come si vede nelle scene catturate dalle telecamere di sorveglianza di un parco, su cui sono piovute schegge dell’esplosione, con la gente in cerca di riparo dietro un albero o tra le acque di un laghetto.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati