Ucraina. Binetti (Udc): Audizione vicepremier momento di grande impatto emotivo

- Advertisement -

AgenPress. “Quella di Ol’ha Stefanišyna, vicepremier ucraina audita dalla Commissione Diritti umani, dalla Commissione d’inchiesta sul femminicidio e dalla Commissione contro l’istigazione all’odio e alla violenza del Senato, è stata una testimonianza a fortissimo impatto emotivo con una drammaticità che rende ancora più inquietante l’attuale panorama del conflitto Russo-Ucraino.

Per la vicepremier la strategia di Putin è quella di annientare il popolo ucraino, realizzandone una sostituzione progressiva con il popolo russo, sia sui territori che nella ricostruzione del Paese. L’Ucraina non può più sopravvivere come paese libero, con una sua storia, una sua tradizione, e una organizzazione autonoma della sua vita civile. Deve essere strategicamente riassorbito dalla Russia, diluito nei meandri della sua architettura economica, industriale e militare, fino al punto che non si possa più distinguere l’uno dall’altro.

- Advertisement -

E quando avrà definitivamente metabolizzato l’Ucraina, Putin passerà agli altri paesi limitrofi, tutti più piccoli della stessa Ucraina, non limitandosi ad annetterli come accadeva con l’Urss di una volta, ma cancellandone in radice l’identità specifica, perché sopravviva solo la Russia e il popolo russo che potrà espandersi fin dove vorrà”.

Lo afferma Paola Binetti, senatrice Udc e vicepresidente della Commissione Diritti umani di Palazzo Madama, presente all’audizione della vicepremier ucraina.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati