Ucraina. Binetti (Udc): Russificazione del Paese va fermata

- Advertisement -

AgenPress. “Putin non vuole annettere l’Ucraina, vuole russificarla fin dalle sue radici. Cancellarne la memoria storica come per dire che non è mai esistita. E questo principio distruttore va fermato.

 

- Advertisement -

Questa guerra sta tirando fuori il lato bestiale che c’è in ogni uomo, soprattutto se è collocato nel ruolo dell’aggressore frustrato da una vittoria che tarda a venire e che forse non verrà mai. Ci sono tra i soldati russi, e forse ancor più nei loro generali, dei rigurgiti di odio verso il genere umano che non avremmo mai immaginato. Solo un odio bestiale verso il genere umano può spingere a commettere queste efferatezze.

 

Contemplare il genocidio ucraino e la demolizione sistematica di chiese, palazzi, edifici pubblici, ponti, stazioni, tutto ciò che è frutto del lavoro di secoli del popolo ucraino, mostra la volontà esplicita di creare un vuoto assoluto laddove prima c’era vita, energia, creatività. Si vuole colpire le radici di un popolo, solo per impossessarsene come se si trattasse di un bottino di guerra. La vera sfida è capire come prevenire questi rigurgiti di bestialità e come educare le nuove generazioni ad amare molto più che a odiare”.

- Advertisement -

 

Lo dichiara in una nota Paola Binetti, senatrice dell’Udc e vicepresidente della Commissione Diritti umani di Palazzo Madama.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati