Ucraina. Bombe russe su Chernihiv, ci sono 400 vittime. A Mariupol 160mila persone senza acqua, cibo e luce

- Advertisement -

AgenPress –  “Il numero di persone uccise dalle truppe russe a Chernihiv (130 chilometri di Kiev) potrebbe arrivare a 400”. Lo ha detto il sindaco di della città, Vladyslav Atroshenko, citato da Unian.

Abbiamo già più di 350 vittime in città… Questo non è il dato definitivo. Ora abbiamo un capo dell’assessorato regionale alla sanità riconfermato. Spero che avremo cifre più dettagliate. Penso che questa cifra sia di circa 400 “.

- Advertisement -

Le forze ucraine “continuano a mantenere una difesa circolare” nella città assediata di  Mariupol , ha detto lo stato maggiore ucraino all’inizio di martedì, anche se le forze russe hanno consolidato il controllo intorno alla città portuale sudorientale.

Lunedì, il sindaco di Mariupol ha affermato che i corridoi di evacuazione erano in gran parte sotto il controllo delle forze russe, dopo che settimane di bombardamenti hanno lasciato la città a pezzi, ucciso un numero imprecisato di civili e costretto centinaia di migliaia di residenti a lasciare le loro case.

“Non tutto è in nostro potere”, ha detto il sindaco Vadym Boichenko, in un’intervista televisiva in diretta. “Purtroppo oggi siamo nelle mani degli invasori”. 

- Advertisement -

Boichenko ha chiesto l’evacuazione completa della restante popolazione di Mariupol, che ospitava oltre 400.000 persone prima che la Russia lanciasse la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

“Secondo le nostre stime, circa 160.000 persone si trovano oggi nella città assediata di Mariupol, dove è impossibile vivere perché non c’è acqua, elettricità, riscaldamento, connessione. Ed è davvero spaventoso“, ha aggiunto il sindaco.

Funzionari ucraini hanno affermato che le forze russe hanno impedito ai convogli umanitari di avvicinarsi o uscire in sicurezza dalla città

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati