Ucraina. Donne, Binetti (Udc): Violenza in guerra equiparabile a genocidio

- Advertisement -

AgenPress. “In Ucraina diverse donne stanno subendo violenze. E questo è un dato di fatto che si ripete in tutti i conflitti. Le violenze contro le donne sono dei crimini di guerra e per la crudeltà con cui vengono commessi sono equiparabili al genocidio.

Nell’Aula del Senato abbiamo discusso la Mozione sull’ attività della Corte penale internazionale, con particolare riferimento alle donne vittima di violenza durante la guerra.

- Advertisement -

 

La Corte penale internazionale è stata istituita 25 anni fa proprio a Roma e ad oggi ci sono oltre 17 procedure che riguardano le donne vittime di crimini di guerra. In questi ultimi 25 anni è stato fatto un lavoro di grande rilevanza per identificare i risvolti gravi della guerra sulle donne e sul loro ruolo. L’obiettivo è ribaltare una visione storica che ha considerato per secoli le donne come oggetto di conquista da parte degli avversari in guerra, tollerando violenze e stupri, individuali e di massa”.

 

Lo afferma Paola Binetti, senatrice dell’Udc e vicepresidente della Commissione Diritti umani.

- Advertisement -

 

“La mozione di oggi- conclude la senatrice centrista- richiede alla Corte penale internazionale di infliggere pene esemplari agli uomini che si macchiano di questi crimini di guerra. Nulla deve essere dato come scontato e silenziato. Occorre il coraggio della denuncia, spesso difficilissima per le donne, perché ogni denuncia riattiva una memoria del torto subito. Ma al coraggio della denuncia delle donne deve corrispondere la condanna esemplare degli uomini che si sono macchiati di questo crimine. Perché la prevenzione passa anche dallo stigma sociale che deve accompagnare chi commette violenza contro le donne in guerra”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati