Ucraina. E’ morto il giornalista di Fox News. La sua auto colpita da proiettili delle truppe russe

- Advertisement -

AgenPress –  E’ morto il cameraman di Fox News Pierre Zakrzewski, e il suo collega, Benjamin Hall, è rimasto ferito quando il loro veicolo è stato colpito da proiettili  ieri a Horenka, a circa 20 km a nord-ovest della capitale, afferma Suzanne Scott, CEO di Fox News.

“È con grande tristezza e cuore pesante che condividiamo la notizia questa mattina riguardo al nostro amato cameraman Pierre Zakrzewski”, ha scritto martedì mattina l’amministratore delegato di Fox News Suzanne Scott ai dipendenti. “Pierre è stato ucciso a Horenka, fuori Kiev, in Ucraina”.

- Advertisement -

“Pierre era un fotografo della zona di guerra che durante il suo lungo mandato con noi ha coperto quasi tutte le notizie internazionali per Fox News dall’Iraq all’Afghanistan alla Siria”, dice. “La sua passione e il suo talento di giornalista erano impareggiabili”.

Hall, un corrispondente britannico di 39 anni, è ancora ricoverato in ospedale dopo l’incidente.

Aveva riferito dall’Ucraina da febbraio ed era con il corrispondente Benjamin Hall “quando il loro veicolo è stato colpito da una raffica di proiettili”, ha detto Scott.

- Advertisement -

Zakrzewski era un fotoreporter di guerra veterano che aveva “coperto quasi ogni storia interna per Fox News dall’Iraq all’Afghanistan alla Siria”, ha detto Scott.

“I suoi talenti erano vasti e non c’era un ruolo in cui non fosse intervenuto per aiutare sul campo – dal fotografo all’ingegnere, dal montatore al produttore – e ha fatto tutto sotto un’immensa pressione con un’abilità tremenda”, ha detto Scott . “Era profondamente impegnato nel raccontare la storia e il suo coraggio, professionalità ed etica del lavoro erano rinomati tra i giornalisti di tutti i media”.

“Era estremamente popolare: tutti nel settore dei media che hanno seguito una storia straniera conoscevano e rispettavano Pierre”, ha aggiunto Scott.

Scott ha detto che è stata una “giornata straziante per Fox News Media e per tutti i giornalisti che hanno rischiato la vita per fornire la notizia”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati