Ucraina. Guterres, “epicentro di insopportabile angoscia e dolore”

- Advertisement -

Agenpress – Il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che l’Ucraina è diventata “un epicentro di insopportabile angoscia e dolore” — una descrizione sottolineata poco tempo dopo dal primo attacco russo alla capitale da quando le forze di Mosca si sono ritirate settimane fa.

Giovedì la Russia ha colpito obiettivi in ​​tutta l’Ucraina, compreso l’attacco a Kiev che ha colpito un grattacielo residenziale e un altro edificio e ferito 10 persone, di cui almeno una che ha perso una gamba, secondo i servizi di emergenza ucraini.

- Advertisement -

Il bombardamento è avvenuto appena un’ora dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha tenuto una conferenza stampa con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che ha visitato parte della distruzione a Kiev e dintorni e ha condannato gli attacchi ai civili.

Nel frattempo, sono state segnalate esplosioni in tutto il paese, a Polonne a ovest, Chernihiv vicino al confine con la Bielorussia e Fastiv, un grande snodo ferroviario a sud-ovest della capitale. Il sindaco di Odesa, nel sud dell’Ucraina, ha detto che i razzi sono stati intercettati dalle difese aeree.

Le autorità ucraine hanno anche riferito di un intenso incendio russo nel Donbas – il cuore industriale orientale che secondo il Cremlino è il suo obiettivo principale – e vicino a Kharkiv, una città nord-orientale al di fuori del Donbas che è considerata la chiave dell’offensiva.

- Advertisement -

Nella città portuale in rovina di Mariupol, nel sud, i combattenti ucraini rintanati nell’acciaieria che rappresenta l’ultima sacca di resistenza hanno affermato che i bombardamenti concentrati hanno ucciso e ferito più persone. E le autorità hanno avvertito che la mancanza di acqua potabile sicura all’interno della città potrebbe portare a focolai di malattie mortali come il colera e la dissenteria.

A Zaporizhzhia, una stazione di passaggio cruciale per decine di migliaia di ucraini in fuga da Mariupol, un bambino di 11 anni era tra le almeno tre persone ferite in un attacco missilistico che, secondo le autorità, è stato il primo a colpire una zona residenziale della città meridionale da quando iniziò la guerra. Frammenti di vetro tagliarono all’osso la gamba del ragazzo.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati