Ucraina. Indagini su 21.000 presunti crimini di guerra commessi dalle truppe russe

- Advertisement -

AgenPress – L’Ucraina afferma che sta indagando su oltre 21.000 crimini di guerra e crimini di aggressione presumibilmente commessi dalla Russia dall’inizio della sua invasione.

Il procuratore generale Iryna Venediktova ha detto alla BBC di ricevere tra i 200 e i 300 crimini di guerra al giorno.

- Advertisement -

Ha ammesso che molti processi si sarebbero svolti in contumacia, ma ha sottolineato che era “una questione di giustizia” continuare con l’accusa.

La Russia che ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio nega tutte le accuse di crimini di guerra.

Parlando al programma World Service Outside Source della BBC, Iryna  Venediktova ha avvertito che i soldati russi che hanno ucciso, torturato o violentato civili “dovrebbero capire che è solo questione di tempo quando saranno tutti in tribunale”.

- Advertisement -

Ha affermato che, sebbene il suo team stesse lavorando in regioni dell’Ucraina, non è stato in grado di indagare su tutti i casi “in modo corretto ed efficace” a causa della mancanza di accesso ad alcune persone e aree. Questo era un evidente riferimento ai territori dell’Ucraina occupati dalle truppe russe.

A maggio,  Venediktova ha affermato che erano già stati identificati circa 600 sospetti e che erano iniziati 80 procedimenti giudiziari.

Il primo soldato russo processato in Ucraina, il sergente Vadim Shishimarin, è stato condannato all’ergastolo per aver ucciso un civile a maggio.

L’Ucraina afferma di aver scoperto numerose fosse comuni a Bucha, Borodyanka e in altre città vicino alla capitale Kiev che sono state brevemente sequestrate dalle truppe russe.

La Corte penale internazionale ha descritto l’Ucraina come una “scena del crimine”, inviando la sua più grande squadra di investigatori mai vista nel paese per assistere in molteplici indagini. Mosca ha ripetutamente negato di prendere di mira i civili.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati