Ucraina. Putin bombarda Kiev mentre a Monaco leader G7 uniti contro Mosca

- Advertisement -

AgenPress – Decine di missili russi hanno colpito obiettivi in ​​tutta l’Ucraina, con la capitale Kiev che ha subito lo sbarramento più pesante degli ultimi mesi.

Un condominio di Kiev è stato distrutto, uccidendone almeno uno e ferendone altri sei, tra cui una bambina di sette anni.

- Advertisement -

Anche la madre, cittadina russa, è stata estratta dalle macerie e portata in ospedale, hanno detto i funzionari.

L’Ucraina afferma che domenica sono stati lanciati 14 missili nella regione di Kiev, ma gli attacchi si sono estesi ben oltre la città.

Altre aree includevano la città centrale di Cherkasy, dove morì una persona, e la regione nord-orientale di Kharkiv.

- Advertisement -

I missili sono stati lanciati il giorno stesso che i leader del G7 delle nazioni più ricche del mondo hanno iniziato un vertice di tre giorni in Baviera, nella Germania meridionale, con la guerra in Ucraina in cima all’agenda. Ci si aspetta che promettano ulteriore sostegno militare a Kiev e impongano più sanzioni a Mosca.

“Dobbiamo stare insieme”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden al cancelliere tedesco Olaf Scholz poco prima del vertice a Schloss Elmau.

“Il presidente russo Vladimir Putin ci ha contato fin dall’inizio, che in qualche modo la Nato lo avrebbe fatto, e il G7 si sarebbe frantumato e… ma non l’abbiamo fatto, e non lo faremo.

“Quindi, non possiamo lasciare che questa aggressività prenda la forma che ha e la faccia franca”, ha detto il presidente Biden.

“Continueremo a fornire sostegno finanziario, umanitario, militare e diplomatico e a stare al fianco dell’Ucraina fino a quando sarà necessario”, recita la prima bozza del comunicato finale, anticipata da Bloomberg, alla vigilia del videocollegamento con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Nella bozza che circola inoltre si accenna fra l’altro al fatto che i leader starebbero “valutando ipotesi di utilizzare i proventi dei dazi sulle importazioni dalla Russia per sostenere l’Ucraina”. Intanto le trattative al vertice continuano, in un buon clima, assicura uno sherpa fra i prati del castello, che dalla sala stampa si raggiungeva in elicottero: se la mattinata si è aperta con un tweet di Biden, che annunciava l’intenzione dei 7 di bandire le importazioni dell’oro russo  in serata sul tavolo c’è appunto il price cap.

Nel giorno in cui Kiev ha rivissuto pesanti bombardamenti da parte dei russi – un atto che Biden ha definito “barbarie” – il G7 ha dunque ostentato unità: “Sono molto fiducioso che da questo summit uscirà un chiaro segnale di compattezza e risolutezza”, ha detto il padrone di casa, Olaf Scholz, dopo una bilaterale con Biden, che gli ha riconosciuto di aver fatto “un incredibile lavoro”. “Germania e Stati Uniti saranno sempre insieme sulla questione della sicurezza dell’Ucraina”, ha anche aggiunto i Bundeskanzler sottolineando che Putin “non aveva fatto i conti sulla coesione dell’Occidente, e questo gli procurerà certamente dei mal di testa”.

L’esercito ucraino afferma che alcuni missili sono stati lanciati dai bombardieri Tupolev sul Mar Caspio, a circa 1.450 km (900 miglia) di distanza. E sabato, ha detto, i missili russi sono stati lanciati da Tupolev che sorvolavano la vicina Bielorussia.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati