Ucraina. Soldato russo si filma mentre violenta un bambino di 11 anni e diffonde il video. Arrestato

- Advertisement -

AgenPress – Un soldato russo è stato arrestato dopo aver diffuso un video dove si vede la violenza sessuale a danno di un bambino  di 11 anni  violentato dopo che avevano legato la madre inorridita a una sedia, costringendola a guardare.

Alexei Bychkov è stato citato dai media russi come il soldato arrestato sabato 9 aprile 2022 dopo che lo spregevole filmato è diventato virale su Telegram e sui social media.

- Advertisement -

Se fosse vero, sarebbe l’ultimo abominio russo a sconvolgere il mondo con le truppe di Vladimir Putin ripetutamente accusate di crimini di guerra e genocidio.

Il soldato è nato nel1997 vicino a Stavropol, nella Russia sudoccidentale. Risiede nella vicina Krasnodar, non lontano dalla Crimea occupata dai russi.

Secondo le informazioni che emergono dalla Russia, il soldato  presta servizio nell’unità militare n. 64044 che si trova alla periferia di Pskov, nella Russia occidentale, vicino al confine con l’Estonia.

- Advertisement -

Bychkov è stato coinvolto in episodi simili in passato, in cui ha registrato abusi sui minori da parte sua.

La commissaria parlamentare ucraina per i diritti umani Lyudmila Denisova ha affermato che cinque soldati hanno anche aggredito sessualmente una ragazza di 14 anni, rimasta incinta a causa dell’atrocità.

Secondo i rapporti di Sun Online , Denisova ha dichiarato l’8 aprile che i soldati russi avevano rapito più di 120.000 bambini ucraini.

Secondo quanto riferito, un certo numero di questi bambini era stato violentato e migliaia sarebbero stati portati illegalmente oltre il confine russo.

Lo stesso giorno, il funzionario ucraino Oleksandr Vilkul ha raccontato di un altro atto di barbarie, sostenendo che le forze di Putin avevano violentato una ragazza di 16 anni e una donna anziana.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati