Ucraina. Truppe russe hanno ucciso 103 bambini. Il dolore del Papa. Vittime della superbia degli adulti

- Advertisement -

AgenPress –  “La guerra della Russia ha ucciso 103 bambini ucraini: lo afferma il procuratore generale ucraino Iryna Venediktova in un post su Facebook. “Inoltre più di 100 bambini sono stati feriti da quando Mosca ha lanciato la sua invasione totale dell’Ucraina il 24 febbraio”.

“Gli invasori uccidono almeno 5 dei nostri bambini ogni giorno. Questa mattina, la cifra ufficiale ha superato la soglia critica e terribile di 100. Il dato non è definitivo. L’aggressore ha bombardato più di 400 istituzioni educative”.

- Advertisement -

E proprio ai bambini dedica la sua preghiera Papa Francesco, parlando ‘a braccio’ al termine del saluto nella Basilica di San Pietro – prima dell’udienza generale nella Sala Nervi – agli studenti della Scuola “La Zolla” di Milano, accompagnati dagli insegnanti e dalle famiglie.

“E adesso vi chiedo di pensare, di fare un pensiero: pensiamo a tanti bambini, ragazzi, ragazze, che sono in guerra, che oggi in Ucraina stanno soffrendo. Sono come voi, come noi, sei, sette, dieci, 14 anni… Voi avete davanti un futuro, una sicurezza sociale, di crescere in una società di pace, invece questi piccoli, e anche piccolini, devono fuggire dalle bombe, stanno soffrendo, tanti, con quel freddo che fa lì”.

“Ognuno di noi pensi a questi bambini e a questi ragazzi – ha proseguito il Pontefice -. Oggi stanno soffrendo, a tremila chilometri da qui. Preghiamo il Signore: io farò la preghiera e voi col cuore e con la mente pregate con me”.

- Advertisement -

“Signore Gesù – ha quindi detto il Papa -, ti chiedo per i bambini, ragazzi, ragazze che stanno vivendo sotto le bombe, in questa guerra terribile, che non hanno da mangiare, che devono fuggire, che non hanno casa, tutto. Signore Gesù, guarda questi bambini, questi ragazzi, guardali, proteggili. Sono le vittime delle superbia di noi, degli adulti. Signore Gesù, benedici questi bambini e proteggili. Insieme preghiamo la Madonna. Ave Maria…”.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati