Dati Covid in tempo Reale

All countries
330,956,809
Confermati
Updated on 17 January 2022 23:35
All countries
266,704,716
Ricoverati
Updated on 17 January 2022 23:35
All countries
5,562,795
Morti
Updated on 17 January 2022 23:35

Usa. Congresso approva disegno di legge per vietare importazioni prodotti da lavoro forzato in Cina

- Advertisement -

AgenPress –  I senatori hanno dato l’approvazione finale del Congresso giovedì a un disegno di legge che vieta le importazioni dalla regione cinese dello Xinjiang a meno che le aziende non dimostrino di essere state prodotte senza lavoro forzato.

La misura è l’ultima di una serie che ha intensificato le sanzioni statunitensi per i presunti abusi sistemici e diffusi da parte della Cina delle minoranze etniche e religiose nella regione occidentale, in particolare degli uiguri prevalentemente musulmani dello Xinjiang . L’amministrazione Biden ha anche annunciato nuove sanzioni giovedì contro diverse società cinesi di biotecnologia e sorveglianza, un produttore leader di droni ed enti governativi per le loro azioni nello Xinjiang.

- Advertisement -

Il voto del Senato invia il disegno di legge al presidente Joe Biden. L’addetto stampa Jen Psaki ha dichiarato questa settimana che Biden ha sostenuto la misura, dopo che per mesi la Casa Bianca ha rifiutato di prendere una posizione pubblica su una versione precedente della legislazione.

Gli Stati Uniti affermano che la Cina sta commettendo un genocidio nel trattamento degli uiguri. Ciò include rapporti diffusi da parte di gruppi per i diritti e giornalisti di sterilizzazione forzata e grandi campi di detenzione dove molti uiguri sarebbero costretti a lavorare nelle fabbriche.

La Cina nega ogni abuso. Dice che i passi che ha preso sono necessari per combattere il terrorismo e un movimento separatista.

- Advertisement -

Gli Stati Uniti citano cotone grezzo, guanti, prodotti a base di pomodoro, silicone e viscosa, attrezzi da pesca e una serie di componenti dell’energia solare tra i beni che si presume siano stati prodotti con l’aiuto del lavoro forzato.

Lo Xinjiang è una regione mineraria ricca di risorse, importante per la produzione agricola e sede di un settore industriale in forte espansione. I detenuti vengono anche trasferiti fuori dallo Xinjiang e messi a lavorare nelle fabbriche, comprese quelle nei settori dell’abbigliamento e dei tessili, dell’elettronica, dell’energia solare e dell’auto, affermano gli Stati Uniti.

“Molte aziende hanno già adottato misure per ripulire le proprie catene di approvvigionamento. E, francamente, non dovrebbero preoccuparsi di questa legge”, ha detto in una dichiarazione il senatore Marco Rubio, il repubblicano della Florida che ha introdotto la versione precedente della legislazione con il senatore democratico dell’Oregon Jeff Merkley.

“Per coloro che non l’hanno fatto, non potranno più continuare a rendere gli americani – ognuno di noi, francamente – complici inconsapevoli delle atrocità, del genocidio che viene commesso dal Partito Comunista Cinese”.

Dalla Camera la legge  è passata al Senato con l’approvazione schiacciante di Democratici e Repubblicani. Il rapido passaggio è arrivato dopo quella che i sostenitori hanno detto essere un’opposizione fuori scena da parte delle società con legami di produzione con la Cina, anche se c’era poca o nessuna opposizione aperta.

La società di lobbying di Apple ha esercitato pressioni per conto di Apple, mostra un modulo di divulgazione federale. Apple, come Nike e altre società con lavoro svolto in Cina, afferma di non aver trovato alcun segno di lavoro forzato dallo Xinjiang nella sua produzione o catena di approvvigionamento.

Alcuni difensori dei diritti degli uiguri e altri hanno affermato di aver anche temuto l’opposizione privata all’interno dell’amministrazione Biden mentre cercava la cooperazione dei cinesi sui cambiamenti climatici e su altre questioni .

Psaki, nella sua dichiarazione di martedì sera, ha citato controlli sulle importazioni, sanzioni, iniziative diplomatiche e altre misure che l’amministrazione Biden aveva già adottato contro il lavoro forzato dallo Xinjiang.

“Siamo d’accordo con il Congresso che si può e si deve intraprendere un’azione per ritenere la Repubblica popolare cinese responsabile del genocidio e delle violazioni dei diritti umani e per affrontare il lavoro forzato nello Xinjiang”, ha affermato Psaki.

La legislazione richiede alle agenzie governative di ampliare il monitoraggio dell’uso del lavoro forzato da parte delle minoranze etniche cinesi. Fondamentalmente, crea la presunzione che le merci provenienti dallo Xinjiang siano realizzate con il lavoro forzato. Le imprese dovranno dimostrare che il lavoro forzato, anche da parte dei lavoratori trasferiti dallo Xinjiang, non ha avuto alcun ruolo in un prodotto per portarlo negli Stati Uniti.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati