Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,872,633
Confermati
Updated on 22 June 2021 23:28
All countries
162,904,003
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 23:28
All countries
3,896,173
Morti
Updated on 22 June 2021 23:28

Willy. I fratelli Bianchi, Belleggia e Pincarelli percepivano il reddito di cittadinanza

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – Non si facevano mancare nulla i fratelli Bianchi, suv, bottiglie di champagne, alberghi a cinque stelle.  Un tenore di vita che però si scontra con quanto scoperto dagli inquirenti che indagano sulla morte di Willy Monteiro Duarte.

Come il padre Ruggero anche i fratelli Marco e Gabriele, arrestati per la morte di Willy Monteiro Duarte, percepiscono il reddito di cittadinanza.  La scoperta è stata fatta a seguito di indagini patrimoniali sulla famiglia Bianchi di cui alcuni componenti risulterebbero nullatenenti e per questo percettori del reddito di cittadinanza. Marco e Gabriele Bianchi, quest’ultimo da poco tempo proprietario di una frutteria, ostentavano da tempo anche sui social un tenore di vita superiore alle entrate dichiarate: suv, barche, vestiti griffati e vacanze di lusso. Gli accertamenti patrimoniali sono scattati dopo l’arresto per la morte di Willy.

Vacanze a Palma di Majorca, poi in barca all’isola di Palmarola annaffiate da bevute di champagne. E ancora sulla costiera amalfitana e a Positano in un albergo con colazione e vista da urlo, macchina con autista per trasferirsi durante le serate in locali esclusivi dove brindare e mangiare. O nel resort umbro da 250 euro a notte nella campagna di Marsciano.

Anche Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, indagati per il pestaggio mortale, usufruiscono del sussidio.

La domanda per poter avere il reddito di cittadinanza è stata presentata dai vari capi famiglia i quali hanno inserito i loro figli, tutti al di sotto dei 24 anni e senza reddito, come familiari a carico. Questo potrebbe nel caso dei Bianchi aver fatto crescere l’assegno mensile oltre i mille euro. Una cifra che comunque non si sposa con la vita agiata che questi ragazzi dimostravano di avere con le foto postate sui profili social. Per i quattro picchiatori di Colleferro si è già aperta l’indagine patrimoniale che potrebbe però allargarsi anche ai genitori visto che le dichiarazioni mendaci sono punite a norma di legge.

 

Altre News

Articoli Correlati