Wuhan. Scienziati hanno pianificato di rilasciare coronavirus nelle popolazioni di pipistrelli

- Advertisement -
AgenPress – L’ipotesi zoonotica si basa sull’idea che il virus si sia diffuso dagli animali agli umani, direttamente attraverso un pipistrello o attraverso qualche altro animale intermediario. La maggior parte degli scienziati afferma che questa è l’origine probabile, dato che il 75% di tutte le malattie emergenti è passato dagli animali all’uomo. Le precedenti epidemie di coronavirus includono la prima SARS nel 2003, iniziata nei pipistrelli, per poi diffondersi negli zibetti e negli esseri umani; e l’epidemia di MERS del 2012, che si è estesa dai pipistrelli ai cammelli e, infine, alle persone.
Ma rimane anche la possibilità che il virus sia trapelato da un laboratorio. Per gran parte del 2021, la teoria delle perdite di laboratorio ha guadagnato slancio. Nel marzo di quest’anno, il dottor Robert Redfield, ex direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e virologo di carriera, ha detto a Gupta che pensa che il Covid-19 abbia avuto origine in un laboratorio a Wuhan, in Cina.

La giornalista scientifica Sarah Knapton in un articolo – inchiesta pubblicata dal The Telegraph, scrive gli scienziati di Wuhan stavano progettando di rilasciare coronavirus aerotrasportati potenziati nelle popolazioni di pipistrelli cinesi per inoculare le malattie che potrebbero colpire gli esseri umani, come mostrano le proposte di sovvenzioni trapelate risalenti al 2018. I documenti mostrano che appena 18 mesi prima della comparsa dei primi casi di Covid, i ricercatori hanno presentato piani per rilasciare nanoparticelle che penetrano nella pelle contenenti “nuove proteine ​​chimeriche” di coronavirus di pipistrello nei pipistrelli delle caverne nello Yunnan.

Hanno anche pianificato di creare virus chimerici, geneticamente migliorati per infettare più facilmente gli esseri umani, e hanno richiesto 14 milioni di dollari alla Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa, un’agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare.) per finanziare il lavoro.

- Advertisement -

Speravano di introdurre “siti di scissione specifici per l’uomo” per i coronavirus dei pipistrelli che avrebbero reso più facile l’ingresso del virus nell’uomo.

Quando il Covid è stato sequenziato geneticamente, gli scienziati erano perplessi su come il virus avesse evoluto un adattamento così specifico per l’uomo nel sito di scissione sulla proteina spike, motivo per cui è così contagioso.

I documenti sono stati diffusi da Drastic, un team investigativo costituito da scienziati per indagare sulle origini del Covid.

- Advertisement -

Drastic ha dichiarato: “Dato che troviamo in questa proposta, una discussione sull’introduzione pianificata di siti di scissione specifici per l’uomo, è giustificata una revisione da parte della più ampia comunità scientifica della plausibilità dell’inserimento artificiale”.

Comprendeva piani per mescolare i coronavirus naturali ad alto rischio con varietà più infettive ma meno pericolose.

La candidatura è stata presentata dallo zoologo britannico Peter Daszak di EcoHealth Alliance (EHA), l’organizzazione statunitense che ha lavorato a stretto contatto con il Wuhan Institute of Virology (WIV) sui virus dei pipistrelli.

Darpa ha rifiutato di finanziarlo, dicendo: “Il progetto avrebbe potuto mettere a rischio le comunità locali” e ha avvertito che il team non aveva considerato i pericoli del potenziamento del virus (ricerca sul guadagno di funzione) o del rilascio di un vaccino per via aerea.

Il team era anche preoccupato per il programma vaccinale e ha affermato che avrebbe “condotto un’attività di sensibilizzazione in modo che ci sia una comprensione pubblica di ciò che stiamo facendo e del motivo per cui lo stiamo facendo, in particolare a causa del consumo di pipistrelli nella regione”.

Il professor Angus Dalgleish, della St George’s University di Londra, che ha lottato per pubblicare un lavoro che dimostrasse che WIV aveva svolto un lavoro di “guadagno di funzione” prima della pandemia, ha affermato che la ricerca potrebbe essere andata avanti senza i finanziamenti.

Matt Ridley, coautore di un libro sull’origine del Covid e che ha spesso chiesto di indagare su ciò che ha causato la pandemia, ha dichiarato: “Per più di un anno ho cercato ripetutamente di fare domande a Peter Daszak senza risposta.

“Ora si scopre che era stato l’autore di questa informazione vitale sul lavoro sui virus a Wuhan, ma si era rifiutato di condividerla con il mondo.

I documenti consultati dal Telegraph chiamano in causa anche Peter Daszak di EcoHealth Alliance, l’organizzazione con sede negli Stati Uniti, che ha lavorato a stretto contatto con l’Istituto di virologia di Wuhan (WIV) nella ricerca dei coronavirus dei pipistrelli.

“Peter Daszak e l’EHA hanno proposto di iniettare mortali coronavirus chimerici di pipistrello raccolti da WIV in topi umanizzati e ‘batificati’, e molto altro ancora”.

I documenti sono stati confermati come autentici da un ex membro dell’amministrazione Trump. EHA e WIV sono stati contattati per un commento. 

La documentazione trapelata mostra che ricercatori cinesi e americani speravano di introdurre “siti di scissione specifici per l’uomo” nei coronavirus di pipistrello che avrebbero reso più facile per il virus entrare nelle cellule umane.

Quando il Covid-19 fu sequenziato geneticamente per la prima volta, gli scienziati erano perplessi su come il virus avesse evoluto un tale adattamento specifico per l’uomo nel sito di scissione della proteina spike, che è la ragione per cui è così infettivo.

I membri del team comprendevano la dottoressa Shi Zhengli, ricercatrice del Wuhan Institute of Virology soprannominata “donna pipistrello”, così come i ricercatori statunitensi dell’Università del North Carolina e il Centro nazionale di salute della fauna selvatica dell’United States Geological Survey.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati