Yulia Paievska, medico ucraino, racconta le torture subite dai russi durante la prigionia

- Advertisement -

AgenPress – Yulia Paievska, 53 anni, famosa paramedico ucraino, conosciuta con il nome di Taira,  è stata tenuta prigioniera dalle forze russe e separatiste per tre mesi dopo essere stata catturata nella città sudorientale di Mariupol.

La dottoressa ha accusato le guardie di torture psicologiche e fisiche durante la sua prigionia.

Ha raccontato che gli abusi sono iniziati immediatamente dopo che è stata riconosciuta a un posto di blocco vicino a Mariupol e fatta prigioniera, insieme al suo autista, il 16 marzo.
“Per cinque giorni non ho mangiato e praticamente non ho bevuto”, ha detto Paievska alla Galileus Web, quasi tre settimane dopo essere stata rilasciata in uno scambio di prigionieri il 17 giugno. L’abuso, comprese le percosse, ha detto, è stato “estremo” e “Non si è fermato per un minuto tutti questi tre mesi.”
“Ti dicono costantemente che sei un fascista, un nazista”, ha detto, paragonando le condizioni a un gulag. Ha detto che le era stato detto che “sarebbe stato meglio se fossi morta piuttosto che vedere cosa accadrà dopo”.
Frustrata dal fatto che la Paievska non abbia concesso ai suoi rapitori separatisti russi e filo-russi una confessione davanti alla telecamera di presunti legami neonazisti, ha detto, “mi hanno gettato in isolamento, in una prigione senza materasso, su una cuccetta di metallo. “
La notorietà di Paievska in Ucraina è cresciuta da quando è diventata famosa durante la rivolta di Maidan del 2014, dove ha sostenuto coloro che protestavano contro l’allora presidente filo-russo come medico volontario. Da lì è andata a est in prima linea mentre le truppe ucraine hanno combattuto le forze separatiste nella regione del Donbas, unendosi infine ufficialmente alle forze armate ucraine.
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati